13 vulnerabilità rilevate su Nagios XI.


Dei ricercatori di sicurezza hanno rivelato 13 vulnerabilità nell'applicazione di monitoraggio della rete Nagios che potrebbero essere utilizzate da un malintenzionato per dirottare l'infrastruttura senza alcun intervento da parte dell'operatore.


Nagios è uno strumento di infrastruttura IT open source analogo a SolarWinds Network Performance Monitor (NPM) che offre servizi di monitoraggio per server, schede di rete, applicazioni e servizi.



I bug rilevati, consistono in un mix di esecuzione di codice remoto in modalita post-auth (RCE) e difetti di escalation dei privilegi, segnalati a Nagios nell'ottobre 2020 e risolti di recente.


Il principale tra questi è la CVE-2020-28648 (punteggio CVSS: 8,8), che riguarda una convalida impropria dell'input nel componente Auto-Discovery di Nagios XI che i ricercatori hanno utilizzato come punto di partenza per innescare una catena di exploit che mette insieme un totale di cinque vulnerabilità.


In altre parole; lo scenario di attacco funziona prendendo di mira un server Nagios XI presso il sito del cliente, utilizzando CVE-2020-28648 e CVE-2020-28910 per ottenere RCE ed elevare i privilegi a "root". Con il server ora effettivamente compromesso, l'avversario può quindi inviare dati contaminati al server Nagios Fusion che verrà utilizzato per fornire visibilità a livello centralizzato dell'infrastruttura eseguendo periodicamente il polling dei server Nagios XI.


La fase successiva dell'attacco sfrutta questa capacità di eseguire codice JavaScript arbitrario sul server Fusion per ottenere la RCE (CVE-2020-28905) e successivamente elevare le autorizzazioni (CVE-2020-28902) per assumere il controllo del server Fusion.



I ricercatori hanno anche pubblicato uno strumento di post-sfruttamento basato su PHP chiamato SoyGun che concatena le vulnerabilità e "consente a un aggressore con le credenziali dell'utente di Nagios XI e l'accesso HTTP al server Nagios XI di assumere il pieno controllo di una distribuzione di Nagios Fusion".


Di seguito è riportato un riepilogo delle 13 vulnerabilità rilevate:

  • CVE-2020-28648 - Nagios XI authenticated remote code execution (from the context of a low-privileged user)

  • CVE-2020-28900 - Nagios Fusion and XI privilege escalation from nagios to root via upgrade_to_latest.sh

  • CVE-2020-28901 - Nagios Fusion privilege escalation from apache to nagios via command injection on component_dir parameter in cmd_subsys.php

  • CVE-2020-28902 - Nagios Fusion privilege escalation from apache to nagios via command injection on timezone parameter in cmd_subsys.php

  • CVE-2020-28903 - XSS in Nagios XI when an attacker has control over a fused server

  • CVE-2020-28904 - Nagios Fusion privilege escalation from apache to nagios via the installation of malicious components

  • CVE-2020-28905 - Nagios Fusion authenticated remote code execution (from the context of low-privileges user)

  • CVE-2020-28906 - Nagios Fusion and XI privilege escalation from nagios to root via modification of fusion-sys.cfg / xi-sys.cfg

  • CVE-2020-28907 - Nagios Fusion privilege escalation from apache to root via upgrade_to_latest.sh and modification of proxy config

  • CVE-2020-28908 - Nagios Fusion privilege escalation from apache to nagios via command injection (caused by poor sanitization) in cmd_subsys.php

  • CVE-2020-28909 - Nagios Fusion privilege escalation from nagios to root via modification of scripts that can execute as sudo

  • CVE-2020-28910 - Nagios XI getprofile.sh privilege escalation

  • CVE-2020-28911 - Nagios Fusion information disclosure: Lower privileged user can authenticate to fused server when credentials are stored



Fonte

https://thehackernews.com/2021/05/details-disclosed-on-critical-flaws.html