6 trilioni di dollari nel 2021. Questo è il business del Cybercrime.


Secondo un rapporto prodotto da Cybersecurity Ventures, sponsorizzato da Intrusion, è stato stimato che le perdite globali causate dal crimine informatico hanno superato i 1 trilione di dollari nel 2020 e si prevede che saliranno oltre i 6 trilioni di dollari nel 2021 .


Inoltre si prevede che i costi globali del crimine informatico cresceranno del 15% all'anno nei prossimi cinque anni, raggiungendo i 10,5 trilioni di dollari entro il 2025, rispetto ai 3 trilioni di dollari del 2015.




Questo rappresenta il più grande trasferimento di ricchezza economica della storia, ed è la cifra più grande anche considerando i danni inflitti da catastrofi naturali in un solo anno e sarà il business più redditizio del mercato criminale, molto di più del mercato della droga.

"I costi calcolati includono anche i danni della distruzione dei dati, il denaro rubato, la perdita di produttività, il furto di proprietà intellettuale, il furto di dati personali e finanziari e l'appropriazione indebita, frode, interruzione post-attacco del normale svolgimento dell'attività, indagini forensi, ripristino ed eliminazione di dati e sistemi compromessi e danni di reputazione"

afferma Steve Morgan , fondatore di Cybersecurity Ventures e redattore capo di Cybercrime Magazine.

"I criminali informatici sanno di poter tenere in ostaggio le aziende e la nostra economia attraverso violazioni, ransomware, attacchi denial of service e altro ancora. Questa è la guerra informatica e dobbiamo cambiare la nostra mentalità sulla sicurezza informatica per proteggerci"

afferma Jack B. Blount , Presidente e CEO di INTRUSION, Inc.



Le entità della criminalità informatica organizzata stanno unendo le loro forze e la loro probabilità di essere scoperti e perseguiti è stimata intorno allo 0,05% negli Stati Uniti, secondo il Global Risk Report 2020 del World Economic Forum.

"Ogni organizzazione americana - nel settore pubblico e privato - è stata o sarà hackerata, è stata infettata da malware ed è l'obiettivo di intrusi informatici ostili a livello nazionale",

aggiunge Blount, che è anche l'ex CIO degli Stati Uniti Dipartimento dell'Agricoltura (USDA).


L'affermazione di Blount è supportata da alcuni dei massimi esperti di cyberwarfare e sicurezza informatica della nazione e dai responsabili della sicurezza informatica di Fortune 500, in una tavola rotonda che è stata recentemente trasmessa sul canale podcast Cybercrime Radio.



Cybersecurity Ventures e INTRUSION, Inc. hanno collaborato a una serie di iniziative volte a fornire leadership di pensiero e guida ai CISO e ai team di sicurezza informatica negli Stati Uniti e nel mondo.