Bowser pagherà a Nintendo 4,5 milioni di dollari.


Sembra una barzelletta, non è vero?


Vi ricordate il il noto hacker che ha condotto molteplici violazioni sul copyright alla Nintendo si chiama Gary Bowser del quale avevamo parlato ad aprile scorso?



Secondo quanto riferito, il presunto leader del gruppo di hacker Team-Xecuter ha ammesso di aver preso parte a una cospirazione contro il gigante giapponese dei giochi Nintendo.


Il cittadino canadese Gary Bowser, noto anche come GaryOPA, è stato arrestato nell'ottobre dello scorso anno con l'accusa di aver creato e venduto dispositivi di elusione illegali che consentivano agli utenti di hackerare le console per videogiochi in modo che potessero essere utilizzate per riprodurre copie piratate di titoli di gioco autentici.



Le console contro le quali il dispositivo era efficace includevano

  • Nintendo Switch;

  • Nintendo 3DS;

  • Nintendo Entertainment System Classic Edition;

  • Sony PlayStation Classic;

  • Microsoft Xbox.

Nell'aprile 2021, il presidente di Nintendo of America, Doug Bowser (nessuna parentela), ha intentato una causa contro Gary Bowser accusando il canadese di eseguire operazioni illecite che ha violato il copyright di Nintendo creando e vendendo hack.



Gary Bowser, 52 anni, è stato accusato di 11 reati, tra cui cospirazione per commettere frodi telematiche, frode telematica, cospirazione per eludere misure tecnologiche e traffico di dispositivi di elusione, traffico di dispositivi di elusione e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro. Il suo presunto cospiratore, il francese Max Louarn, affronta le stesse accuse.


Bowser è stato espulso negli Stati Uniti dopo il suo arresto nella Repubblica Dominicana nel settembre 2020. Pur negando inizialmente le accuse, secondo quanto riferito, Bowser ha ora stipulato un patteggiamento in cui ammette la sua parte nella cospirazione e accetta di pagare a Nintendo la restituzione di 4,5 milioni di dollari.



Il patteggiamento afferma che Bowser

"ha partecipato consapevolmente e volontariamente a un'impresa di cyber-criminali che ha hackerato le principali console di gioco e che ha sviluppato, prodotto, commercializzato e venduto una varietà di dispositivi di elusione che consentivano ai clienti dell'azienda di giocare a versioni piratate di videogiochi protetti da copyright. , comunemente indicati come ROM tra il giugno 2013 e il suo arresto nel 2020."


"Anche se Bowser potrebbe non aver rapito una principessa questa volta, i suoi atti di pirateria contro la Nintendo non resteranno impuniti", ha commentato John Bambenek, principale cacciatore di minacce presso Netenrich, un'azienda di informatica digitale con sede a San Jose, in California.