Card Broken: l'operazione Cinese contro la criminalità informatica.



Anche la Repubblica Popolare Cinese si trova nella stessa situazione degli Stati Uniti D'America nei confronti del crimine informatico organizzato e ha deciso di stabilire una nuova tendenza per normalizzare il fenomeno in verticale crescita.


Sotto la guida del Ministero della Pubblica Sicurezza, le forze dell'ordine cinesi hanno lanciato la più grande operazione per combattere la criminalità informatica nazionale e internazionale, chiamata Card Broken.


Card Broken mira a combattere le frodi nelle telecomunicazioni e il riciclaggio di denaro sporco in Cina e all'estero. Di conseguenza, sono state neutralizzate 15.000 bande e arrestati 311.000 sospetti, anche nella quinta e ultima fase dell'operazione sono stati effettuati più di 1.000 arresti, scoperti 170 gruppi criminali a Pechino, Hebei e Shanxi.


I cinesi focalizzano separatamente l'attenzione pubblica sul fatto che nei crimini è coinvolto il mining, che assistono gli hacker nel riciclaggio di denaro utilizzando criptovalute, ricevendo una commissione per i loro servizi che va dall'1,5% al ​​5%.


Pertanto, il colpo principale è stato inferto dalle forze dell'ordine verso il mondo della cripto moneta. La Cina ha chiaramente dimostrato la sua posizione di principio sulla criptovaluta, avendo dichiarato illegale lo scambio di criptovalute come una violazione dell'ordine economico e finanziario nazionale, il che significa che nel prossimo futuro la sfida sarà sostenuta, con un alto grado di probabilità, dai cinesi partner di altri paesi.


Questo vuol dire che se anche la Cina ha questo problema, potrebbe essere importante valutare delle operazioni congiunte, combattendo la criminalità organizzata in modo sinergico e non ognuno rinchiuso nel suo fortino.


Anche perché così facendo, c'è il rischio di non comprendere bene chi sta attaccando e innescare una escalation globale.