Il 61% delle aziende è stata colpita dal Ransomware nel 2020.


Mimecast, azienda leader nelle soluzioni di posta elettronica, ha effettuato un sondaggio globale condotto su 1.225 leader nella tecnologia dell'informazione e nella sicurezza informatica e il risultato è inquietante.


Il 79% degli intervistati ha indicato che le proprie aziende ha subito un'interruzione delle attività, una perdita finanziaria o un'altra incidente informatico nel 2020 a causa della mancanza di preparazione informatica.


Gli intervistati hanno identificato il ransomware come il principale responsabile di queste interruzioni.


Dove nello specifico:


  • Il 61% delle aziende ha indicato di essere stata colpita dal ransomware nel 2020. Un aumento del 20% rispetto al numero di aziende che hanno segnalato tali interruzioni nel rapporto dell'anno precedente;

  • Le aziende colpite dal ransomware hanno perso in media sei giorni lavorativi a causa del tempo di inattività dei sistemi, con il 37% che afferma che il tempo di inattività è durato una settimana o più;

  • Il 52% delle aziende vittime di un ransomware ha pagato richieste di riscatto ai criminali informatici, anche se solo il 66% sono state in grado di recuperare i propri dati. Il restante 34% non ha mai più visto i propri dati, nonostante abbia pagato il riscatto.

Ma a parte il problema del ransomware, Mimecast riporta ulteriori indicatori allarmanti:


  • Un aumento del 64% anno su anno del volume delle minacce;