Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il CEO della NSO Group: “chi obbedisce alle leggi non deve aver paura della sorveglianza”


Julio Shalev – CEO della NSO Group

La Crisis Management della NSO group sta per prendere una direzione controversa rispetto alle attese, e il CEO dell’azienda sta iniziando ad essere aggressivo sui temi privacy e sorveglianza, un business di oltre un miliardo di dollari.

Infatti, il direttore generale della società israeliana NSO Group Julio Shalev ha recentemente rilasciato un’interessante dichiarazione, la cui idea principale è la seguente:

“le persone che obbediscono alla legge e non commettono reati, non dovrebbero aver paura della sorveglianza.”

Ricordiamo che la NSO Group, che è la società Israeliana che produce il famoso spyware Pegasus, è stata ultimamente sulle prime pagine dei giornali a causa dell’utilizzo di questo malware da parte di governi autoritari per la sorveglianza di terroristi, attivisti, dissidenti e politici.

Advertisements

Il 39enne capo del gruppo NSO, in un’intervista a Forbes, ha osservato che Pegasus è usato per catturare pericolosi criminali, terroristi.

Ma ci sono informazioni precise che vede l’utilizzo dello spyware anche in campagne contro giornalisti, attivisti e leader di alcuni paesi.

Anche lo stesso Julio ha ammesso che la sua azienda non può controllare completamente come lo spyware venga usato dai suoi clienti.

“Vendiamo i nostri prodotti alle autorità, ma non abbiamo la capacità di monitorare l’attività dei nostri clienti”

ha spiegato Julio Shalev.

Advertisements

Tuttavia, esistono ancora alcuni meccanismi per prevenire l’uso improprio di Pegasus.

NSO Group, secondo l’amministratore delegato, a volte ha liquidato tali operazioni. Ma anche in presenza di una tale pratica, la società non può essere responsabile delle attività delle autorità, ha affermato Shalev.

Inoltre, il capo di NSO ha sottolineato che il proprietario medio di smartphone non dovrebbe aver paura della sorveglianza, in quanto Pegasus è rivolto solo ai criminali.

“Quegli utenti che non possono essere definiti criminali come Osama bin Laden non hanno assolutamente nulla da temere. Possono fare pienamente affidamento sulla sicurezza e sulla privacy dei loro smartphone”

ha concluso Shalev.