Il cervello umano è vuoto. Ecco perché le IA sono completamente fuori strada.



Il matematico John von Neumann affermò nel libro "The Computer and the Brain", precisamente a pagina 39 che:

"The most immediate observation regarding the nervous system is that its functioningis prima facie digital"

definendo parallelismi tra i componenti delle macchine informatiche e i componenti del cervello umano, anche se poi trae le conclusioni dicendo che il cervello umano è un ibrido tra analogico e digitale.



L'articolo in calce intitolato "il cervello umano è vuoto", è tratto da un saggio di Robert Epstein, uno psicologo ricercatore senior presso l'American Institute for Behavioral Research and Technology in California. È autore di 15 libri ed ex redattore capo di Psychology Today e vi riportiamo la traduzione in italiano molto interessante su questo specifico argomento.

Non importa quanto gli scienziati e gli psicologi cognitivi si sforzino, ma purtroppo non troveranno mai una copia della 5a sinfonia di Beethoven o copie di parole, immagini, regole grammaticali o qualsiasi altro tipo di persistenza all'interno della mente umana.


Il cervello umano non è veramente vuoto, ovviamente, ma sembra non contenere la maggior parte delle cose che la gente pensa che contenga, nemmeno cose semplici come i "ricordi".


Gli studi sul cervello hanno profonde radici storiche, ma l'invenzione dei computer negli anni '40 ci ha particolarmente confusi.



Da più di mezzo secolo, psicologi, linguisti, neuroscienziati e altri esperti di comportamento umano affermano che il cervello umano funziona come un computer. Oggi, in preda alla foga dell'Intelligenza artificiale, pensiamo magari che tra pochi anni, con potenze di calcolo sovrumane, utilizzando i modelli fino ad oggi creati potremo ricreare un cervello umano digitale.


Ma ci stiamo sbagliando di grosso.


Per vedere quanto sia vuota questa idea, consideriamo il cervello dei bambini.


Grazie all'evoluzione, i neonati umani (come i neonati di tutte le altre specie di mammiferi), entrano nel mondo preparati a interagire efficacemente con esso. La vista di un bambino è sfocata, ma presta particolare attenzione ai volti ed è rapidamente in grado di identificare quello della madre.


Preferisce il suono delle voci ai suoni non vocali e può distinguere un suono vocale di base da un altro. Siamo, senza dubbio, costruiti per creare connessioni sociali.


Un neonato sano è anche dotato di più di una dozzina di riflessi: reazioni pronte a determinati stimoli importanti per la sua sopravvivenza.


Gira la testa in direzione di qualcosa che gli sfiora la guancia e poi succhia qualunque cosa gli entri in bocca. Trattiene il respiro quando è immerso nell'acqua.


Afferra le cose poste nelle sue mani così forte che può quasi sostenere il proprio peso. Forse la cosa più importante, i neonati sono dotati di potenti meccanismi di apprendimento che consentono loro di cambiare rapidamente in modo che possano interagire in modo sempre più efficace con il loro mondo, anche se quel mondo è diverso da quello che hanno affrontato i loro lontani antenati.



Sensi, riflessi e meccanismi di apprendimento: questo è ciò con cui iniziamo, ed è abbastanza, se ci pensi. Se ci mancasse una di queste capacità alla nascita, probabilmente avremmo problemi a sopravvivere.


Ma non siamo nati con informazioni, dati, regole, software, conoscenza, lessici, rappresentazioni, algoritmi, programmi, modelli, ricordi, immagini, processori, subroutine, encoder, decoder, simboli, o buffer .


Insomma, un bambino acquisisce dal nulla tutte queste skill e non ha impiantate nel suo cervello informazioni, regole, software ecc... quando nasce un bambino, il suo cervello è "vuoto".


E non solo non siamo nati con queste cose, non le sviluppiamo mai.


Non memorizziamo le parole o le regole che ci dicono come manipolarle. Non creiamo rappresentazioni di stimoli visivi, le archiviamo in un buffer di memoria a breve termine e quindi trasferiamo la rappresentazione in un dispositivo di memoria a lungo termine. Non recuperiamo informazioni, immagini o parole dai registri di memoria. I computer fanno tutte queste cose, ma gli organismi biologici no.



Perdonami per questa introduzione "basica" dell'informatica, ma devo essere chiaro: i computer funzionano davvero su rappresentazioni simboliche del mondo. Memorizzano i dati e li elaborano e hanno davvero ricordi fisici. Sono davvero guidati in tutto ciò che fanno, senza eccezioni, dai loro algoritmi .


Gli esseri umani, d'altra parte, non lo fanno - non l'hanno mai fatto, non lo faranno mai. Data questa realtà, perché così tanti scienziati parlano della nostra vita mentale come se fossimo computer?


Negli anni 40, tutto rifletteva il pensiero più avanzato dell'era tecnologia informatica di quel periodo, si diceva che il cervello funzionasse come un computer, con il ruolo dell'hardware fisico svolto dal cervello stesso e i nostri pensieri che fungevano da software. L'evento di riferimento che ha lanciato quella che ora è ampiamente chiamata "scienza cognitiva" è stata la pubblicazione di Language and Communication (1951) dello psicologo George Miller. Miller ha proposto che il mondo mentale potesse essere studiato rigorosamente utilizzando concetti tratti dalla teoria dell'informazione, dal calcolo e dalla linguistica.


Questo tipo di pensiero è stato portato alla sua massima espressione nel breve libro The Computer and the Brain (1958), in cui il matematico John von Neumann affermava categoricamente che la funzione del sistema nervoso umano è " prima facie digitale". Sebbene ammettesse che in realtà si sapeva poco sul ruolo che il cervello giocava nel ragionamento e nella memoria umana, tracciò parallelismi tra i componenti delle macchine informatiche dell'epoca e i componenti del cervello umano.


Poco più di un anno fa, durante una visita a uno degli istituti di ricerca più prestigiosi del mondo, ho sfidato i ricercatori a spiegare il comportamento umano intelligente senza riferimento a nessun aspetto della metafora dell'IP (information processing). Non sono riusciti a spiegarlo e quando ho gentilmente sollecitato la questione con successive e-mail, non avevano ancora nulla da offrire mesi dopo. Hanno visto il problema. Non hanno liquidato la sfida come banale. Ma non potevano offrire un'alternativa. In altre parole, la metafora dell'IP è "appiccicosa". Obbliga il nostro pensiero con un linguaggio e idee così potenti che abbiamo problemi a pensarci intorno.



In un esercizio in classe che ho condotto molte volte nel corso degli anni, recluto uno studente per disegnare un'immagine dettagliata di un biglietto da un dollaro - "il più dettagliato possibile", dico - sulla lavagna davanti alla stanza. Quando lo studente ha finito, copro il disegno con un foglio di carta, rimuovo una banconota da un dollaro dal portafoglio, la lego alla lavagna e chiedo allo studente di ripetere il compito. Quando ha finito, rimuovo la copertina dal primo disegno e la classe commenta le differenze.


Poiché potresti non aver mai visto una dimostrazione come questa, o perché potresti avere difficoltà a immaginare il risultato, ho chiesto a Jinny Hyun, uno degli studenti stagisti dell'istituto in cui conduco le mie ricerche, di realizzare i due disegni. Ecco il suo disegno "a memoria" (nota la metafora):

Ed ecco il disegno che ha successivamente ha realizzato con una banconota da un dollaro presente:

Jinny è rimasto sorpreso dal risultato come probabilmente lo saresti tu, ma è tipico.

Come puoi vedere, il disegno fatto in assenza del biglietto da un dollaro è orribile rispetto al disegno fatto con un esemplare accanto, anche se Jinny ha visto un biglietto da un dollaro migliaia di volte.


Qual è il problema?


Non abbiamo una "rappresentazione" della banconota da un dollaro "immagazzinata" in un "registro della memoria" nel nostro cervello?

Non possiamo semplicemente "recuperarlo" e usarlo per realizzare il nostro disegno?


Ovviamente no, e mille anni di neuroscienze non troveranno mai una rappresentazione di una banconota da un dollaro immagazzinata nel cervello umano per il semplice motivo che non la potrai mai trovare li.


L'idea che i ricordi siano immagazzinati nei singoli neuroni è assurda: come e dove viene immagazzinata la memoria nella cellula?



Una vasta gamma di studi sul cervello dicono che più sono ampie le aree del cervello, più sono coinvolte anche nelle attività di memoria più banali. Quando sono coinvolte emozioni forti, milioni di neuroni possono diventare più attivi. In uno studio del 2016 sui sopravvissuti a un incidente aereo del neuropsicologo dell'Università di Toronto Brian Levine e altri, ricordando l'incidente ha aumentato l'attività neurale nell'amigdala, nel lobo temporale mediale, nella linea mediana anteriore e posteriore e nella corteccia visiva dei passeggeri.


L'idea, avanzata da diversi scienziati, che ricordi specifici siano in qualche modo immagazzinati nei singoli neuroni è assurda; semmai, quell'affermazione spinge il problema della memoria a un livello ancora più impegnativo: come e dove, dopotutto, la memoria è immagazzinata nella cellula?


Allora cosa succede quando Jinny disegna la banconota da un dollaro in assenza di una immagine accanto? Se Jinny non avesse mai visto prima un biglietto da un dollaro, il suo primo disegno probabilmente non avrebbe affatto somigliato al secondo disegno. Avendo già visto le banconote da un dollaro, in qualche modo era cambiata. In particolare, il suo cervello è stato modificato in un modo che le ha permesso di visualizzare una banconota da un dollaro, cioè di rivivere la visione di una banconota da un dollaro, almeno in una certa misura.


La differenza tra i due diagrammi ci ricorda che visualizzare qualcosa (cioè vedere qualcosa in sua assenza) è molto meno accurato che vedere qualcosa in sua presenza. Questo è il motivo per cui siamo molto più bravi a riconoscere che a ricordare. Quando abbiamo re-member qualcosa (dal latino re , 'nuovo', e memorari , 'essere consapevoli di'), dobbiamo cercare di rivivere un'esperienza; ma quando riconosciamo qualcosa, dobbiamo semplicemente essere consapevoli del fatto che abbiamo già avuto questa esperienza percettiva.


Jinny aveva già visto banconote da un dollaro, ma non aveva fatto uno sforzo deliberato per "memorizzare" i dettagli. Se l'avesse fatto, presumibilmente avrebbe potuto disegnare la seconda immagine senza che fosse presente la banconota accanto. Anche in questo caso, però, nessuna immagine della banconota da un dollaro è stata in alcun modo "immagazzinata" nel cervello di Jinny . È semplicemente diventata più preparata a disegnarlo accuratamente, proprio come, attraverso la pratica, un pianista diventa più abile nel suonare un concerto dopo averlo suonato per più e più volte..



Alcuni anni fa, ho chiesto al neuroscienziato Eric Kandel della Columbia University - vincitore di un premio Nobel per aver identificato alcuni dei cambiamenti chimici che avvengono nelle sinapsi neuronali dell'Aplysia (una lumaca marina), quanto tempo ci sarebbe voluto per capire come funziona la memoria umana. Ha subito risposto: "Cento anni".


Alcuni scienziati cognitivi - in particolare Anthony Chemero dell'Università di Cincinnati, l'autore di Radical Embodied Cognitive Science (2009) - ora rifiutano completamente l'idea che il cervello umano funzioni come un computer. Il punto di vista principale è che noi, come i computer, diamo un senso al mondo eseguendo calcoli sulle sue rappresentazioni mentali, ma Chemero e altri descrivono un altro modo di comprendere il comportamento intelligente, come un'interazione diretta tra gli organismi e il loro mondo.


Nel frattempo, vengono raccolte ingenti somme di denaro per la ricerca sul cervello, basata in alcuni casi su idee errate e promesse che non possono essere mantenute. L'istanza più palese di neuroscienza andata storta, documentata di recente in un rapporto su Scientific American, riguarda lo Human Brain Project da 1,3 miliardi di dollari lanciato dall'Unione Europea nel 2013. Convinto dal carismatico Henry Markram di poter creare una simulazione dell'intero cervello umano su un supercomputer entro il 2023 e che un tale modello avrebbe rivoluzionato il trattamento del morbo di Alzheimer e di altri disturbi, i funzionari dell'UE hanno finanziato il suo progetto praticamente senza restrizioni. Dopo meno di due anni, il progetto si trasformò in un "disastro cerebrale" e a Markram fu chiesto di dimettersi.


Siamo organismi, non computer. Dobbiamo farcene una ragione.


Andiamo avanti con il compito di cercare di capire noi stessi, ma senza farci ingombrare da inutili bagagli intellettuali.


La metafora dell'IP ha avuto una corsa di mezzo secolo, producendo poche, se non nessuna, intuizione lungo la strada. È giunto il momento di premere il tasto CANC.




Fonte

https://aeon-co.cdn.ampproject.org/c/s/aeon.co/amp/essays/your-brain-does-not-process-information-and-it-is-not-a-computer