Il nuovo drone USA è destinato a supportare gli F-35 e gli F-22, con AI autonoma.

Aggiornamento: set 25


Un articolo pubblicato sulla rivista cinese peer-reviewed Aircraft Design ha fornito una valutazione approfondita del veicolo aereo da combattimento senza pilota XQ-58A Valkyrie (UCAV) che è stato sviluppato da Kratos Defense & Security Solutions negli Stati Uniti D'America.



Come riportato per la prima volta dal South China Morning Post , il giornale non è rimasto impressionato dalle prestazioni aerodinamiche del drone, osservando che il Valkyrie può resistere a una trazione limitata.


Questa è una delle principali responsabilità nei tipici scenari di combattimento aereo perché, secondo il riassunto del rapporto del South China Morning Post:

"la maggior parte dei caccia da combattimento deve frenare contro una forza sette volte quella della gravità o superiore".


Uno studio separato condotto dalla National University of Defense Technology cinese ha raggiunto una conclusione simile.

"Sotto la premessa di un rilevamento efficace, la debole manovrabilità dell'XQ-58A può portare alla sua distruzione da parte di cannoni antiaerei a medio raggio a terra, missili aerei over-the-horizon o combattimenti ravvicinati con aerei da combattimento"

ha osservato il professor Guo Zheng e colleghi.



Guo ha affermato che il drone è vulnerabile agli strumenti di contromisure elettroniche (ECM) che potrebbero recidere il collegamento tra la Valkyrie e i suoi operatori umani, o disabilitarlo completamente con una "potente arma a impulsi elettromagnetici" (Jammer)


Le conclusioni degli esperti cinesi arrivano con diversi avvertimenti importanti. La loro analisi si basa interamente su informazioni open source e "software di ingegneria inversa", tuttavia, l'XQ-58A è ancora in fase di sviluppo e potrebbe subire modifiche prima di entrare nella produzione in serie.



L'XQ-58A non è un drone da combattimento. È, invece, un fedele gregario UCAV destinato a supportare e scortare l'F-35 e l'F-22, caccia di quinta generazione.

I parametri della missione della Valkyrie includono ricognizione a lungo raggio, ricognizione, sorveglianza e attacchi contro bersagli a terra con il suo carico utile di 250 chilogrammi di Joint Direct Attack Munition (JDAM) distribuito su otto punti di appoggio. La Valkyrie non deve essere veloce o manovrabile per raggiungere questi obiettivi.



In linea con i requisiti dell'aeronautica statunitense, Valkyrie deve essere ampiamente autonoma. Anche se, come ipotizzato dai ricercatori cinesi, un ipotetico attacco ECM dovesse interrompere le comunicazioni tra la Valkyrie e i suoi operatori umani, il drone sarebbe comunque guidato dai suoi sensori e algoritmi di bordo per eseguire compiti sul campo di battaglia.


Il giornale ha aggiunto che, sebbene il Valkyrie sia pubblicizzato come un drone riutilizzabile a basso costo, è in effetti destinato a svolgere missioni "suicida". Anche se non è progettato principalmente o esclusivamente per intraprendere missioni suicide, non c'è dubbio che la sacrificabilità della Valkyrie influenzerà il suo caso d'uso; il fatto che sia senza equipaggio ed economico lo rende un candidato ovvio per assorbire il fuoco nemico o per eseguire missioni di attacco ad alto rischio in profondità nello spazio aereo nemico.