Il primo chip per computer RISC-V della European Processor Initiative è in fase di test.

Aggiornamento: set 25


L'European Processor Initiative (EPI) ha eseguito con successo il primo test del suo European Processor Accelerator (EPAC) basato su RISC-V, pubblicizzandolo come il primo passo verso l'hardware per il supercalcolo made in europe.



"L'EPI, lanciato nel 2018, mira ad aumentare l'indipendenza dell'industria europea del super calcolo dalle società tecnologiche straniere. Al centro c'è l'adozione dell'architettura del set di istruzioni RISC-V gratuita e open source per lo sviluppo e la produzione di chip ad alte prestazioni all'interno dei confini europei."

L'ultima pietra miliare del progetto, è la consegna di 143 campioni di chip EPAC, ovvtlero acceleratori progettati per applicazioni di calcolo ad alte prestazioni e costruiti attorno all'architettura del set di istruzioni RISC-V.



Progettati per dimostrare il design del processore, i chip di test a 22 nm (fabbricati da GlobalFoundries, il produttore di semiconduttori nato da AMD nel 2009), hanno superato i test iniziali, eseguendo un programma “hello, world” bare metal come prova iniziale.

"Il chip EPAC 1.0 è un innegabile sforzo di squadra: include core di elaborazione vettoriale micro-tile progettati da SemiDynamics, un'unità di elaborazione vettoriale dedicata di Barcelona Supercomputing Center e dall'Università di Zagabria, un nodo domestico progettato da Chalmers, L2 cache di FORTH, uno Stencil and Tensor Accelerator (STX) di Fraunhofer, ITWM ed ETH Zürich e un processore a precisione variabile, progettato per accelerare i carichi di lavoro di deep learning, creato da CEA LIST, il tutto collegato con un network-on-chip e sistema seriale ad alta velocità creato da EXTOLL."


Il progetto EPI ha confermato che si sta lavorando per convalidare gli altri blocchi del chip, che mira a una frequenza operativa di 1GHz nella sua attuale configurazione di test con pacchetto FCBGA.


Sicuramente siamo agli inizi di un percorso che sarà lungo. Ma è anche vero che il solco oramai è tracciato ovvero, essere autonomi nell'hardware e creare piattaforme completamente made in europe.