Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Commodore sta tornando. A breve il nuovo C64.

Arriva quest’anno un nuovo Commodore 64, proprio nell’anno in cui il famoso microcomputer compie 40 anni. E quale modo migliore per festeggiare se non dargli un erede?

Massimo Canigiani, presidente di Commodore Business Machines, non ha avuto dubbi: e così nasce l’idea del Commodore GK64. 

Advertisements

Stessa scocca, compreso quel beige tipico delle rovine archeologiche e dell’elettronica di consumo di qualche decennio fa, ma hardware diverso: sul Commodore GK64 sarà possibile eseguire sia Windows 11 che Android.

Canigiani ha dichiarato a Wired che, nonostante le difficoltà legate all’instabile situazione internazionale (con la guerra in Ucraina che si è aggiunta alla crisi dei semiconduttori), l’obiettivo è ancora quello di portare sul mercato la nuova macchina entro il 2022 per celebrare i 40 anni dell’originale Commodore 64: la finestra di lancio prevista al momento oscilla tra ottobre e novembre.

Advertisements

È un prodotto che parla in modo esplicito agli appassionati di informatica e ai nostalgici: il brand ha infatti un grande capitale emotivo tra chi è cresciuto conoscendo la programmazione e giocando con i primi videogiochi sul C64. 

L’azienda andò poi in crisi e fu liquidata tra il 1994 e il 1995. Da allora il marchio fu conteso tra varie realtà a suon di polemiche e battaglie legali. Fino a quando, nel 2014, si è unito Massimo Canigiani.

Il Commodore GK64 è sostanzialmente un all-in-one poiché l’intero computer è contenuto all’interno della tastiera meccanica (dovrebbe essere prodotta in Germania, adatta sia al settore videoludico che a quello della produttività). 

Non ci sono ancora informazioni sulle caratteristiche dell’hardware precise, ma possiamo aspettarci connettività Bluetooth, connettività Wi-Fi, alcune porte USB, una porta Ethernet e una connessione HDMI per il collegamento a display esterni. 

Advertisements

Inoltre, insieme al Commodore GK64, un monitor (Canigiani ha confessato di essere ancora indeciso tra una diagonale da 21 pollici o una diagonale più grande di 30 pollici) con webcam integrata e un mouse di marca c-flag.

Canigiani ha precisato che questo dovrebbe essere l’ultimo prodotto con un’impronta così marcatamente nostalgica del marchio. In termini assoluti, però, questo non è il primo progetto che Commodore Business Machines ha sviluppato e commercializzato negli ultimi anni: i nerd probabilmente ricorderanno lo smartphone Commodre PET commercializzato nel 2015 (ma ne è uscito anche un altro, il Commodore LEO). 

Questi prodotti non destarono un grande entusiasmo, trattandosi del rebrand di un dispositivo cinese (appunto l’Orgtec WaPhone). E per il 2023, sembrerebbe che si sia in ballo un altro prodotto: un laptop.