NSA: le cyber-gang cinesi superano come quantità il mondo intero.

Aggiornamento: ott 3


Quasi tutti i paesi del mondo hanno il proprio programma di sfruttamento della vulnerabilità e, sebbene la maggior parte si concentri sullo spionaggio informatico, sempre più stati stanno iniziando a sperimentare tecniche più aggressive, ha affermato il capo dell'Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Rob Joyce.



Mentre la principale attenzione pubblica è focalizzata sui cosiddetti "Big Four" (Cina, Iran, Corea del Nord e Federazione Russa), non sono solo questi paesi a sviluppare tecnologie informatiche.


Anche i piccoli paesi hanno tecnologie avanzate, sono semplicemente più limitati nel perseguire gli interessi nazionali, in particolare i finanziamenti, il numero di risorse umane e la portata degli attacchi, ha detto Joyce durante un discorso al cyber summit di Aspen.


Allo stesso tempo, il numero di gruppi informatici cinesi supera "l'intero mondo messo insieme", afferma il capo della NSA.



Il numero crescente dei paesi che supportano i programmi informatici rende difficile determinare gli organizzatori di un particolare attacco informatico (il problema dell'attribuzione di un attacco), affermano gli esperti.