Perché mancano le donne nella CyberSecurity?


Il fatto che ci siano così poche donne nel settore della sicurezza informatica non è una novità per nessuno. Questo è stato un problema per anni e anni, ma è diventato sempre più un argomento discusso a seguito dell'aumento della popolarità della professione.


Si pensava che quando la sicurezza informatica sarebbe diventata una professione più nota, il divario di genere che è esistito, si sarebbe cominciato a livellarsi, ma non è stato affatto così.

Secondo un sondaggio del 2018 di ISC2, le donne costituivano il 24 per cento della forza lavoro nella sicurezza informatica. Al contrario, Cybersecurity Ventures ha riferito che nel 2019 il 20% della forza lavoro globale sulla sicurezza informatica era costituito da donne.


Premessa

Sebbene il numero di donne nel settore stia crescendo ogni anno, non sta crescendo abbastanza velocemente. Di questo passo, ci vorranno almeno 20 anni prima che il numero di donne nel mondo informatico raggiunga il numero degli uomini.

Quante volte, chi lavora nella sicurezza informatica si è sentito dire:

  • Sei un hacker?

  • Quindi, fermi i cattivi?

Questo comportamento è un risultato della percezione di cosa sia la sicurezza informatica e del motivo per cui le donne potrebbero non perseguire lavori in questo campo.

“La percezione è un modo di considerare, comprendere o interpretare qualcosa; un'impressione mentale.“

viene riportato da Oxford Languages.


La mancanza di donne nella sicurezza informatica è il risultato di alcune cose:

  • Percezione: impressione errata della professione da varie fonti e dai media;

  • Bias di genere: si traduce in mancanza di consapevolezza riguardo alla professione e mancanza di incoraggiamento a perseguirla.

Da dove deriva questo però? Questo è facile. Dalla vita.


Tutto quanto intorno a noi, le cose che vediamo, ascoltiamo, annusiamo, gustiamo e tocchiamo, tutte quante influiscono sul modo in cui percepiamo qualcosa.


La facciata della cyber security

I professionisti della sicurezza informatica nei media, vengono sempre rappresentati in modo improprio. Un esempio di successo è Mr. Robot, che tutti noi conosciamo, una serie che racconta di un ingegnere della sicurezza informatica andato in onda dal 2015.


Lo spettacolo è stato un successo e ha ricevuto numerosi premi tra cui un Golden Globe. Come viene rappresentato questo professionista della sicurezza informatica? Ovviamente è un maschio solitario con una felpa e con cappuccio scuro.


Una professione del settore lontana da come viene raffigurato questo personaggio. Indipendentemente dal genere, questo non è l'aspetto dei professionisti informatici e nemmeno degli hacker. Attori malvagi? Può essere. Ma chi lavora in questo campo non sta seduto in una stanza buia a martellare la tastiera tutto il giorno.


Recentemente Katlyn Gallo ha parlato con una studente di sicurezza informatica del primo anno del programma di master. Una delle sue principali preoccupazioni riguardo al lavoro nella sicurezza informatica non era la disuguaglianza, né il fatto che si trattasse di un'industria dominata dagli uomini.


Era preoccupata per le dinamiche di squadra. Mi ha chiesto se passavo la maggior parte del mio tempo lavorando da solo o se il mio ruolo prevedeva la collaborazione. All'epoca non ci pensavo molto, ma ora mi chiedo perché me l'abbia chiesto.

Potrebbe essere che la sua percezione di un professionista della sicurezza informatica sia qualcuno che lavora da solo e non interagisce con i colleghi o altri team e reparti IT?

Ovviamente non posso rispondere a questa domanda per lei, ma sorge spontanea la domanda: i media stanno influenzando il modo in cui percepiamo una carriera nel cyber?

Credo di sì, sì!


La sicurezza informatica nei media

In generale, la sicurezza informatica nei media ha in genere un aspetto molto maschile.

Come puoi vedere facendo una ricerca su google, digitando "cybersecurity", otto delle nove immagini hanno la stessa combinazione di colori blu/nero. Anche se questo può sembrare banale, è qualcosa che può avere un impatto inconscio sulla percezione. Molte di queste immagini si allineano con i cosiddetti colori maschili.


Tipico esempio di immagine sulla cybersecurity

Sebbene gli stereotipi di genere siano un ricordo del passato, gli stereotipi del colore sono ancora molto in uso quando si tratta di marketing e design. Le combinazioni di colori di cui sopra hanno una differenza principale: i colori maschili sono più scuri, mentre quelli femminili sono più luminosi e vividi.

Attraverso la ricerca su Google, possiamo vedere che la maggior parte dei materiali di marketing e delle immagini relative a lavori, prodotti, ecc. di sicurezza informatica tendono ad allinearsi con lo schema dei colori maschili e questo può portare le donne a percepire una carriera nella cyber come tale: una professione per uomini.

In secondo luogo, molte delle immagini mostravano righe di codice, che possono portare le persone a concludere che l'esperienza di programmazione è un requisito per una carriera nella sicurezza informatica, il che non è vero.


E' una materia STEM?

La sicurezza informatica è generalmente associata alla matematica e all'ingegneria o diplomi STEM. Perché questo è importante? Le donne hanno meno probabilità di perseguire lauree STEM. Esiste già un divario di genere preesistente nell'iscrizione al programma STEM e con l'informatica e la conoscenza che vengono percepite come un requisito, molte donne potrebbero presumere di non essere qualificate per alcun ruolo nel settore.


Inoltre, mentre alcune donne potrebbero essere interessate alla sicurezza informatica, molte potrebbero non essere interessate agli aspetti tecnici. Rappresentare la sicurezza informatica come una professione che richiede solo competenze tecniche, potrebbe anche essere una causa della mancanza di donne in questo settore. Questo, oltre alle altre rappresentazioni tecnologiche e di sicurezza informatica nei media, contrasta con i nostri sforzi per colmare il divario di genere nel settore.


Bias di genere con conseguente mancanza di consapevolezza e incoraggiamento.

Un altro fattore che contribuisce alla mancanza di donne nel settore è il pregiudizio di genere che porta a una mancanza di consapevolezza sulla professione informatica o alla mancanza di incoraggiamento a percorrere quella strada. Questo è un problema che esiste non solo nell'industria informatica, ma per le carriere in STEM nel suo complesso.

Nel 2010, Forbes ha pubblicato questo articolo: Top 10 College Majors for Women . È stato pubblicato undici anni fa ed è ancora uno dei primi risultati della ricerca su Google “top degree programs for women”.




Tecnologie di ingegneria e lauree in informatica non sono nemmeno nella lista dei migliori corsi di laurea femminili e, come detto, questo è uno dei migliori risultati quando si effettua una semplice ricerca su Google per "programmi di laurea per donne".

Inoltre, secondo una ricerca condotta da Medium, ci sono il 74% delle ragazze delle scuole medie che esprimono interesse per le materie STEM, ma solo lo 0,4% delle ragazze delle scuole superiori sceglie di laurearsi in informatica.


La scuola, il primo punto di partenza.

Cosa sta succedendo tra la scuola media e il liceo che dissuade le ragazze dal laurearsi in informatica?

Secondo Edutopia, c'è sicuramente qualcosa di interessante che accade tra la terza media e l'ultimo anno delle superiori per le Donne. Nella scuola media, i dati hanno mostrato che le ragazze fanno altrettanto bene in matematica e scienze quanto i ragazzi e si iscrivono ugualmente alle classi avanzate mentre si trasferiscono al liceo. La cosa interessante, però, è che più si avvicinano al college, meno ragazze continuano a iscriversi ai corsi STEM avanzati. Gli psicologi hanno attribuito questo, al fatto che spesso, le abilità femminili in materia di matematica e scienze sono minimizzate rispetto a quelle maschili, il che potrebbe dissuadere le ragazze dall'accedere ai corsi di laurea STEM.

Uno studio condotto nel 2015 prevedeva che l'insegnante di matematica della scuola, valutasse i test avendo visibilità del nome, mentre un valutatore esterno valutasse gli stessi test, ma senza il nome. Quali sono stati i risultati? I ragazzi generalmente hanno ottenuto dei punteggi più alti delle ragazze nei test valutati dall'insegnante di matematica rispetto al valutatore esterno. Un pregiudizio come questo fa molto per dissuadere le ragazze oppure no? E infine, c'è una generale mancanza di incoraggiamento quando si tratta di ragazze che mostrano interesse per i campi legati alla tecnologia.


Conclusioni

A causa di questa mancanza di incoraggiamento, le ragazze che potrebbero essere interessate a ruoli tecnici nel campo della sicurezza informatica - quelli che richiedono informatica e programmazione - non sono nemmeno consapevoli che questa sia un'opzione perché i loro consulenti di orientamento e insegnanti le stanno spingendo verso altre materie.


Gli studenti delle scuole superiori e universitari si rivolgono a mentori e consulenti di orientamento per consigli sulla carriera ed è fondamentale che le carriere nella sicurezza informatica siano discusse tanto quanto l'amministrazione aziendale, l'insegnamento, l'assistenza infermieristica, le comunicazioni e il marketing.

Dobbiamo lavorare per cambiare la percezione della sicurezza informatica. Un lavoro nel settore non equivale a uno stile di vita solitario, speso a stare "gobbi" su un computer. È tempo di sbarazzarsi delle immagini di individui incappucciati e misteriosi e di infinite righe di codice, specialmente per ruoli che sono più di governance che tecnico specialistici.

C'è molto di più nei ruoli di sicurezza informatica di quanto sembri ed è importante che le ragazze e le donne in generale, sappiano che c'è un posto per loro nei tavoli di lavoro.


Il percorso verso una riduzione del divario di genere inizia con tutti noi del settore.


Fonte

https://code.likeagirl.io/why-is-there-a-lack-of-women-in-cyber-667ce7fae6e7