Questa è la privacy: 45,5 milioni di utenti VPN online.


Un database di 45,5 milioni di utenti di servizi VPN mobili è trapelato su Internet. Questo è quanto riferito dal sito di notizie russo Kommersant.



Sui forum underground sono comparsi i dati di 45,5 milioni di utenti dei servizi FreeVPN.org e DashVPN.io, che forniscono servizi di privacy per i loro dati tramite VPN personali, necessarie per creare l'anonimato sulla rete, secondo gli esperti del canale Telegram "Information Leaks".

"I dati sono stati lasciati su un server di database MongoDB non protetto. Entrambi i servizi appartengono alla società internazionale ActMobile Networks, con sede negli Stati Uniti."


Come affermato sul sito Web dell'azienda, oltre 75 milioni di persone in tutto il mondo hanno utilizzato i loro servizi VPN.


Il database contiene indirizzi e-mail degli utenti, password crittografate, date di registrazione, aggiornamenti del profilo e ultimo accesso. Gli autori del canale chiariscono che il database archivia i dati dal 2017 al 2021.


Il canale Telegram Information Leaks, che ha scritto della fuga di notizie il 1° novembre, ha notato che i dati degli utenti sono di dominio pubblico da una settimana.