HRC condanna il blocco di Internet e la censura online da parte dei governi.


La risoluzione del Consiglio per i diritti umani (HRC) sulla "promozione, protezione ed esercizio dei diritti umani su Internet" ha condannato il blocco della rete e la censura online, a seguito della 47a sessione del Consiglio, conclusasi martedì.


L'HRC (Human Rights Council), è un organismo intergovernativo all'interno del sistema delle Nazioni Unite che è composto da 47 Stati, responsabili della promozione e della protezione di tutti i diritti umani in tutto il mondo.



La risoluzione è stata adottata in relazione al blocco dei social network in Myanmar (una nazione del Sudest asiatico con più di 100 gruppi etnici che confina con l'India), dopo il golpe militare. La Russia è membro dell'HRC e ha votato a favore, considerando anche la realizzazione della rete RUNET, in virtù della legge dell'internet sovrano.


HRC ha invitato gli Stati ad astenersi nel fermare tali pratiche e a garantire che la legislazione nazionale sia in linea con gli obblighi in materia di diritti umani nei confronti della comunità globale, compresa la libertà di opinione, la libertà di espressione su Internet e il diritto all'assemblea pacifica online.


Inoltre, il Consiglio ha condannato i casi di violazione dei diritti umani nell'esercizio dei diritti dei cittadini e delle libertà fondamentali su Internet, invitando gli Stati a garantire questo diritto e a creare un meccanismo efficace per proteggere dalle violazioni delle libertà che devono essere garantite.