Micro-robot contro il cancro: Bionauts Labs passa ai test sugli animali.


Micro-robot della bionaut labs.

Avevamo già parlato in precedenza della bionaut labs, un'azienda statunitense che si occupa di micro-robotica medicale, che ad oggi sta sviluppando delle tecnologie innovative per utilizzare degli automi capaci di aiutare i medici a contrastare diverse ed importanti patologie, tra le quali il cancro.


Si tratta di micro-robot telecomandati, delle dimensioni di una briciola di pane, che possono essere iniettati nel corpo, e poi guidati tramite biomagnetismo e video a raggi X al cervello, dove possono consegnare delle medicina direttamente in un'area mirata in maniera altamente localizzata.

Ad oggi l'azienda riporta "Siamo proprio ora nella fase degli studi sugli animali, che è anche chiamata studio preclinico. Questi significa che non stiamo ancora conducendo quegli studi secondo lo standard FDA. Infatti vorremmo entrare in quella pipeline per gli studi sugli animali di livello FDA il prossimo anno. Dopo aver completato gli studi sugli animali, è necessario avviare gli studi clinici. Speriamo di avviarli nel 2023. Se avremo successo, pensiamo che la nostra piattaforma possa essere approvata entro la fine del 2024. Questo è il piano".


In sintesi quello che abbiamo visto con il film "Viaggio Allucinante" del lontano 1966, anche se non ci saranno persona al suo interno sembra presto divenire realtà.

Una scena de "Viaggio Allucinante"

Ma ritorniamo a noi, il co-fondatore e CEO di Bionaut Labs Michael Shpigelmacher ha detto: "Ciò che era fantascienza oggi è davvero un fatto scientifico".


L'azienda di Los Angeles, avviata con un finanziamento di 20 milioni di dollari, mira ad aiutare a trattare i disturbi del sistema nervoso centrale con la sua omonima "modalità di trattamento della medicina di precisione".


Bionaut sta prima prendendo di mira il glioma del tronco cerebrale, un tumore devastante che colpisce prevalentemente bambini e giovani adulti, quindi spera di applicare la sua tecnologia alla malattia di Huntington.



Il finanziamento di Bionaut è stato guidato da Kholsa Ventures, con la partecipazione di Upfront Ventures, Revolution, BOLD Capital e Compound.


Shpigelmacher ha lavorato per la prima volta con i suoi co-fondatori Aviad Maizels e Alex Shpunt alla società di rilevamento 3D PrimeSense, che ha sviluppato la tecnologia che alimentava Xbox Kinect e venduta ad Apple nel 2013. Da allora, prima di fondare Bionaut, ha lavorato come consulente per McKinsey e un ricercatore senior di investimenti presso PDT Partners.

Michael Shpigelmacher

La sua ultima impresa è nata dalla tecnologia dell'Istituto Max Planck in Germania e la sua società madre si trova in Israele, da dove proviene Shpigelmacher.


L'azienda ad oggi ha 15 dipendenti, di cui 13 che lavorano nell'ufficio di Culver City dell'azienda, mentre sta assumendo altre risorse. Shpigelmacher ha rilasciato una intervista di recente alla rivista https://www.bizjournals.com/ che riportiamo di seguito tradotta in italiano.


Cosa ha ispirato il lancio di Bionaut e perché è necessario?

Bionaut Labs è partito dalla realizzazione di un'esigenza medica insoddisfatta.

La necessità di indirizzare con precisione un medicinale, in modo che si concentrino su una particolare area del corpo - il cancro oncologico è il miglior esempio - in cui è necessario raggiungere una particolare posizione nel corpo in modo sicuro e preciso.


Spesso, la medicina moderna non ti consente di farlo, quindi la visione di Bionaut è quella di consentire un accesso sicuro e preciso alle strutture profonde del corpo. Partiamo dal sistema nervoso centrale e dal cervello dove il bisogno è maggiore perché il cervello è molto sensibile, si protegge in modo univoco dall'intervento esterno e spesso il trattamento preciso di diverse posizioni nel cervello è molto difficile.



Quanto sono piccole queste cose?

La dimensione più piccola è di circa un millimetro o meno. Se vuoi confrontarlo con qualcosa che vedi nella vita quotidiana, puoi dire che è meno di un chicco di riso o meno di un pangrattato.


Perché ti stai concentrando prima sul glioma e poi sulla malattia di Huntington?

Abbiamo voluto strategicamente partire da un'area in cui c'è un chiaro bisogno insoddisfatto. Volevamo anche dare un'indicazione su dove possiamo lavorare con un carico utile esistente piuttosto che reinventare il carico utile. Volevamo utilizzare un carico utile ben noto in modo che, se riesco a portarlo con successo al giusto obiettivo, ho un alto grado di fiducia che funzionerà.


Questa è la storia con glioma. Stiamo lavorando con carichi utili chemioterapici generici per i quali disponiamo già di dati da modelli tumorali ortotopici. Questi sono modell