Dipendenti infedeli: licenziata, cancella 21 GB di dati dall'azienda.


L'ex dipendente di un'anonima cooperativa di credito di New York, si è dichiarata colpevole di accesso non autorizzato ai sistemi informatici di un istituto finanziario e della distruzione di circa 21 GB di dati (più di 20.000 file e quasi 3.500 cartelle), che ha cancellato per rappresaglia per licenziamento.



Il Dipartimento di Giustizia riferisce che la donna è stata licenziata il 19 maggio 2021 e, sebbene un ex datore di lavoro abbia chiesto di disabilitare il suo accesso remoto, ciò non è stato fatto in tempo.


Di conseguenza, due giorni dopo, il 21 maggio, la donna si è connessa al sistema per circa 40 minuti e ha cancellato una serie di documenti, comprese le richieste di mutui, nonché un software speciale che proteggeva l'organizzazione dai ransomware (che si trovava in un cartella denominata “NON ELIMINARE!").



Secondo i documenti del tribunale, la donna si è poi vantata con un'amica di aver cancellato i documenti della rete condivisa dell'azienda. Sebbene l'unione di credito avesse un backup di alcuni dei dati cancellati, è costato all'istituto finanziario circa 10.000 dollari sistemare quanto accaduto,

“La signora probabilmente pensava di vendicarsi verso il suo datore di lavoro cancellando questi file, ma ha fatto altrettanto male ai clienti dell'azienda. La sua piccola vendetta non solo ha rappresentato un enorme rischio per la sicurezza della banca, ma i clienti che si affidano a scartoffie e permessi per pagare l'alloggio, sono stati bloccati "