USA: Un'ondata di crimini informatici.


Ci sono voluti quasi sette anni perché l'Internet Crime Complaint Center (IC3) dell'FBI registrasse il suo primo milione di denunce (dal 2000 al 2007). Ma ci sono voluti solo 14 mesi per aggiungere il suo ultimo milione ai 6 totali.



L'IC3 ha registrato cinque milioni di reclami al 12 marzo 2020, poche settimane prima del suo ventesimo anniversario. Dopo un periodo di rapporti record, il 15 maggio 2021 il centro ha ricevuto la sua 6 milionesima denuncia.

"Da un lato, il numero contiene alcune notizie positive"

ha detto il capo di IC3 Donna Gregory.

"Le persone sanno come trovarci e come segnalare un incidente."


Gregory ha affermato che più rapporti rendono l'FBI più efficace nell'indagare sulla criminalità informatica.

"Ma d'altra parte, questi numeri indicano che più persone rimangono vittime di crimini e truffe online".

L'IC3 raccoglie e riporta i suoi dati in un report annuale ed educa il pubblico inviando avvisi su nuove truffe o aumenti di determinati tipi di crimini.


Un altro ruolo chiave è sostenere le forze dell'ordine. Le agenzie federali, statali, locali in modo che possano accedere ai dati dell'IC3 attraverso un database sicuro e, con un rapporto tempestivo, i team guidati dall'FBI possono sostenere gli sforzi per congelare i fondi perduti.


IC3 ha registrato un aumento dei reclami di quasi il 70% tra il 2019 e il 2020. I tre principali reati segnalati dalle vittime nel 2020 sono stati truffe di phishing, truffe di ecommerce ed estorsione. Le vittime hanno perso più soldi a causa di truffe di compromissione della posta elettronica aziendale, schemi di fiducia e frodi sugli investimenti.



In particolare, il 2020 ha visto l'emergere di truffe che sfruttano la pandemia di COVID-19.


L'aumento dei crimini denunciati nel 2020 potrebbe essere dovuto in parte alla pandemia che ha portato più attività online. Gli ultimi numeri indicano che il 2021 potrebbe essere un altro anno da record e probabilmente avrà ragione.


Seguici su Facebook, Linkedin, YouTube, Instagram, Twitter, Telegram,