330 milioni di persone in 30 paesi, vittime di crimini informatici.



In un mondo dove il crimine informatico dilaga, più che mai occorre "consapevolezza al rischio informatico"


NortonLifeLock ha rivelato che nell'ultimo anno quasi 330 milioni di persone in 10 paesi sono state vittime di crimini informatici e oltre 55 milioni di persone sono state vittime di furto di identità.


Le vittime della criminalità informatica hanno trascorso collettivamente quasi 2,7 miliardi di ore cercando di risolvere i loro problemi.


Il rapporto, condotto online da The Harris Poll su oltre 10.000 adulti in 10 paesi di cui 1.000 negli Stati Uniti, ha anche rilevato che il 25% degli americani ha rilevato un accesso non autorizzato a un account o dispositivo negli ultimi 12 mesi.


Dei quasi 108 milioni di americani che hanno subito il crimine informatico negli ultimi 12 mesi (il 41%), una media di 6,7 ore è stata spesa cercando di risolvere i problemi creati, per una stima di oltre 719 milioni di ore di tempo perso dagli americani a causa del crimine informatico.


Con l'aumento dell'attività criminale online, il 47% degli americani si sente più vulnerabile al crimine informatico rispetto a prima dell'inizio della pandemia COVID-19.

L'anno scorso è stato incredibilmente impegnativo poiché abbiamo affrontato gli effetti emotivi e fisici di una pandemia globale. Inoltre, aumenta la preoccupazione per la salute e la sicurezza online delle nostre famiglie poiché trascorriamo più tempo online", afferma Paige Hanson, capo dell'educazione alla sicurezza informatica di