Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

350 milioni di dollari ai clienti da T-Mobile per la Class Action sulla violazione dei dati

Questo accade dove la privacy è importante per le persone, ma non per le aziende.

Questo accade dove le persone si organizzano e vogliono migliorare le cose con forza. Ma in America non è la prima volta. Ricordiamoci della colossale Class Action di Equifax dopo il databreach del 2017, dove l’azienda fu costretta a sborsare 700 milioni di dollari.

Ma oggi, se fossi una delle quasi 77 milioni di persone colpite dalla violazione di T-Mobile dell’anno scorso, potresti avere qualche soldo in arrivo.

La società ha appena annunciato i termini di un accordo in una class action, e non è economico: 350 milioni di dollari da dividere tra clienti (e avvocati), più 150 milioni di dollari da implementare “per la sicurezza dei dati e la relativa tecnologia”.

Advertisements

Questa è una lezione per tutte le aziende: se sostieni la tua sicurezza informatica, on devi spendere 150 milioni di dollari per implementarla!

Tutto questo a seguito di un attacco informatico alla fine del 2020, quando sono state compromesse informazioni appartenenti a circa 76,6 milioni di persone. All’inizio del 2021, gli hacker hanno messo in vendita su Internet la base clienti di T-Mobile.

I criminali informatici hanno riferito di aver violato i server dell’operatore, incluso il server Oracle contenente i dati dei clienti. 

Uno di loro ha spiegato di essere rimasto sbalordito dal terribile livello di sicurezza dell’azienda. È stato possibile hackerare la rete interna dell’azienda utilizzando gli strumenti pentest disponibili.

Advertisements