Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

42,7 milioni di multa per Google dall’Australia per aver fuorviato gli utenti

L’autorità australiana per la concorrenza, la Corte federale del paese, ha ordinato alla società Google di Alphabet Inc. (GOOGL.O) di pagare 60 milioni di dollari australiani (42,7 milioni di dollari) di multa per aver ingannato i clienti sull’acquisizione dei loro dati sulla posizione personale.

La corte ha ritenuto che tra gennaio 2017 e dicembre 2018 Google abbia fuorviato alcuni utenti in merito ai dati sulla posizione raccolti tramite i loro dispositivi mobili Android.

Secondo l’Australian Competition & Consumer Commission (ACCC), Google ha indotto gli utenti a pensare che l’impostazione della “cronologia delle posizioni” sui loro telefoni Android fosse l’unico modo per raccogliere dati sulla posizione.

Tuttavia, una funzione per tenere traccia dell’attività web e delle applicazioni ha consentito anche la raccolta e l’archiviazione dei dati locali.

Advertisements

Il watchdog aveva avviato un’azione legale contro Google, che potrebbe aver colpito 1,3 milioni di utenti australiani di account Google.