Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

9 anni di carcere per il capo della gang che violava gli account di iCloud

Un residente della California, conosciuto con il soprannome icloudripper4you, che ha hackerato migliaia di account iCloud di Apple, è stato condannato a 9 anni di carcere.

L’anno scorso, Hao Kuo Chi, 41 anni, residente a Los Angeles, si è dichiarato colpevole di aver rubato più di 620.000 foto personali e 9.000 video dagli account di altre persone.

Quindi l’ufficio del procuratore della Florida, che ha sporto contro di lui l’accusa di cospirazione e frode informatica, ha riferito che l’uomo ha venduto i suoi “servizi” per hackerare i servizi iCloud. 

Alcuni “clienti” lo hanno contattato e gli hanno indicato degli account specifici di iCloud da hackerare. Successivamente, truffando le vittime delle loro credenziali iCloud, il gruppo ha rubato foto e video dai loro account.

Advertisements

Il gruppo è stato attivo da settembre 2014 a maggio 2018, periodo durante il quale gli aggressori hanno utilizzato gli ID Apple e le password delle vittime non solo per evadere gli ordini, ma anche per cercare in questi account foto e video espliciti. Le foto e i video sono stati condivisi tra la gang e i suoi “clienti”, attraverso un “servizio di crittografia e-mail end-to-end per preservare l’anonimato”.

Alcuni di loro si sono dichiarati colpevoli lo scorso anno e hanno confermato di aver ottenuto l’accesso non autorizzato ad almeno 306 account iCloud (per lo più di proprietà di giovani donne) in Arizona, California, Connecticut, Florida, Kentucky, Louisiana, Maine, Massachusetts, Ohio, Pennsylvania, Carolina del Sud e Texas .

Secondo il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, circa 1 terabyte è stato dedicato esclusivamente a fotografie e video erotici rubati alle persone.

Il tribunale ha condannato l’artefice della truffa a nove anni di prigione, il pubblico ministero Roger Handberg commenta che è stata una sentenza abbastanza logica:

Advertisements

“Le vittime erano centinaia di donne in tutto il paese. Questo verdetto riflette la determinazione dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti di assicurare i criminali informatici alla giustizia per i loro crimini”.