Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Anche l’Olanda vuole vietare i pagamenti ransomware in criptovaluta.

Il governo olandese non è soddisfatto delle aziende che pagano il riscatto ai criminali ransomware. Il Ministero della Giustizia e della Sicurezza olandese sta valutando di vietare alle compagnie assicurative di pagare il riscatto alle aziende che sono costrette a chiudere la propria attività a seguito di un attacco informatico tramite ransomware.

La limitazione discussa riguarderà solo le compagnie assicurate. Lo ha annunciato l’associazione televisiva olandese NOS.

In un attacco ransomware, i dati dell’azienda vengono crittografati e smettono di funzionare finché il denaro non viene pagato agli aggressori. Tuttavia, anche i backup dei dati vengono eliminati frequentemente, rendendo difficile o quasi impossibile il ripristino.

L’idea delle autorità è che se nessuna azienda paga il riscatto, non ci sarà motivo per i criminali di attaccare le aziende.

Advertisements

“I pagamenti supportano l’ecosistema criminale”

ha affermato il procuratore capo Michiel Zwinkels.

Gli aggressori possono utilizzare i soldi guadagnati per nuovi attacchi.

Secondo gli esperti, il denaro pagato da una vittima viene investito direttamente in infrastrutture e risorse per attaccare altre società.