Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Anonymous colpisce con un attacco DDoS il sito del Cremlino.

Come abbiamo visto questa mattina, il collettivo di hacktivisti Anonymous ha dichiarato guerra alla Federazione Russa e subito è passata all’attacco.


Il collettivo di hacker ha disabilitato diversi siti web del governo russo, incluso il servizio di notizie Russia Today, controllato dallo stato. RT è stato descritto come un importante canale di propaganda per il governo russo. L’attacco DDoS ha inondato il sito Web di notizie con del traffico dannoso, bloccando l’accesso per diverse ore.

È il primo attacco di una prevista ondata di “attivismo informatico” contro il governo russo. RT.com ha confermato che l’attacco ha avuto luogo, affermando che ha rallentato alcuni siti Web mentre altri erano offline per “periodi di tempo prolungati”.

RT ha coperto la situazione in Ucraina in modo schiacciante da una prospettiva filo-russa, mostrando fuochi d’artificio e allegre celebrazioni nei territori appena occupati. Nel Regno Unito, i parlamentari hanno affermato che il canale televisivo è lo “strumento di propaganda personale” del presidente russo Vladimir Putin e dovrebbe essere bandito.

Infatti RT è stato bandito in Polonia oltre ad altri canali di notizie russi.

Advertisements

“Noi, come collettività, vogliamo solo la pace nel mondo. Vogliamo un futuro per tutta l’umanità. Quindi, mentre le persone in tutto il mondo fanno a pezzi i tuoi provider Internet, capisci che è interamente diretto alle azioni del governo russo e di Putin”.

Un altro account di Anonymous ha rivendicato la responsabilità di mettere offline i siti Web del Cremlino, del governo russo e del Ministero della Difesa russo, mentre un altro utente di Anon ha annunciato di aver rimosso per un breve periodo il sito Web del Servizio federale antimonopoli della Russia.


In sintesi, la guerra informatica è diventata una parte fondamentale della guerra convenzionale dove i singoli (o gruppi di hacker/hacktivisti), possono competere sulla stessa “piazza armata” con le superpotenze, anche se tali rappresaglie potrebbero creare ultiori problematiche a ristabilire la pace.


Ricordiamoci che Biden chiese a Putin lo scorso anno di fermare i gruppi ransomware quale REvil e Darkside, che colpirono le infrastrutture critiche nazionali degli Stati Uniti D’America come Colonial Pipeline. Il collettivo Anonymous potrebbe essere qualcosa di analogo.

Advertisements