Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Anonymous ha violato 2500 obiettivi all’interno nella Federazione russa.

Mentre le forze ucraine combattono contro l’invasione dell’esercito russo, gli hacker di tutto il mondo stanno causando interruzioni all’infrastruttura digitale della Federazione Russa.

Gruppi di hacker come Anonymous e Cyber ​​Partisans hanno rivendicato la responsabilità di attacchi informatici alle banche russe, all’emittente statale RT e a una rete ferroviaria bielorussa utilizzata per spostare le truppe dalla Russia all’Ucraina.

I colloqui di pace tra i due paesi sono in corso tra le due nazioni, ma non è chiaro quanto durerà lo spargimento di sangue.

Attualmente, questi gruppi informatici hanno affermato di essere al fianco dell’Ucraina contro le potenti forze online della Russia, causando interruzioni per fermare gli attacchi del paese contro l’Ucraina e l’Occidente.

Advertisements

“Il DDoS da solo non farà cadere un regime”

ha affermato un gruppo scissionista tedesco di Anonymous in un post sul blog, ma

“Putin, che sta usando squadre di hacker e eserciti di troll contro le democrazie occidentali, sta bevendo un sorso della sua stessa medicina amara”.

L’intenzione è di

“tenere occupato l’apparato informatico russo e fornire alle truppe hacker di Putin… un lavoro impegnativo nelle attività di difesa, in modo che non possano fare nulla in Ucraina o in Occidente. Anche ottenere informazioni è un punto importante nell’ottenere la loro attenzione”.

Il collettivo di hacker Anonymous ha ora rivendicato la responsabilità di 2.500 attacchi al governo russo e bielorusso, organi di stampa statali, banche, ospedali, aeroporti e aziende private.

Questo numero è aumentato di 1.000 dall’inizio di questa settimana, tuttavia, poiché chiunque può essere associato ad Anonymous, questa cifra è difficile da verificare.

Advertisements

Infatti l’account @AnonTV di Twitter, ha riportato il seguente messaggio nella giornata di ieri:

“#OpRussia : da quando ha dichiarato guerra informatica al regime criminale del Cremlino, #Anonymous ha violato oltre 2500 siti web di governi russi e bielorussi, organi di stampa statali, banche, ospedali, aeroporti, aziende e “gruppi di hacker” filorussi a sostegno di #Ukraine” .