Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Anonymous rivendica la pubblicazione dei nomi di 120.000 soldati russi

Anonymous, il famoso collettivo di hacktivisti, ha rivendicato domenica la responsabilità dell’attacco informatico che ha fatto trapelare le informazioni personali di 120.000 soldati russi che presumibilmente combattono in Ucraina.

Queste informazioni erano già trapelate online il mese scorso e includevano nomi, date di nascita, indirizzi, unità di affiliazione e numeri di passaporto.

“Tutti i soldati che partecipano all’invasione dell’Ucraina dovrebbero essere sottoposti a un tribunale per crimini di guerra”

ha twittato domenica il gruppo.

Tweet pubblicato da Anonymous

Advertisements

Questa settimana l’esercito russo ha dovuto affrontare pesanti critiche su presunte violazioni dei diritti umani nella città ucraina di Bucha.

I rapporti suggerivano che i civili della città siano stati uccisi a colpi di arma da fuoco con le mani legate dietro la schiena e che i cadaveri fossero stati avvistati nei cortili, nelle auto e nelle strade.

I risultati della fuga di notizie sono apparsi per la prima volta sul notiziario ucraino Pravda il 1 marzo, pochi giorni dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Ancora non è noto da dove provengano queste informazioni, ma si è osservato che il Centro per le strategie di difesa della Russia ha riportato che i dati sono stati acquisiti da fonti affidabili.

Advertisements

Domenica il gruppo “attivista”, diventato famoso per i suoi hack ai governi, corporazioni e altri gruppi, ha condannato l’invasione russa prima di rivendicare la fuga di notizie.

“Stiamo tutti assistendo ai mali che la Russia sta facendo”, ha twittato. “Ci vorrà molto tempo per accettare di nuovo la Russia nella razza umana dopo tutti i crimini che ha commesso tramite Putin”.

Anonymous ha rivendicato la responsabilità di altri hack al governo russo dall’inizio dell’invasione alla fine di febbraio. Il gruppo, tra propaganda e fake news, ha affermato di aver violato stampanti non protette in Russia per diffondere messaggi anti-propaganda, poiché i media statali all’interno del paese hanno promosso e difeso la guerra.

I messaggi inviati alle stampanti includevano un avvertimento che il presidente russo Vladimir Putin , il Cremlino e i media russi mentivano sull’invasione e fornivano istruzioni su come accedere a un browser che avrebbe consentito ai cittadini russi di aggirare la censura del paese.