Apple sotto scacco da REvil. Richiesti 50 milioni di riscatto.



Il giorno in cui Apple avrebbe annunciato una sfilza di nuovi prodotti al suo evento Spring Loaded, è apparsa una perdita da un trimestre inaspettato.


La famigerata banda di ransomware REvil ha affermato di aver rubato dati e schemi dal fornitore Apple Quanta Computer, su prodotti inediti e che avrebbero venduto i dati al miglior offerente se non avesse ricevuto un pagamento di 50 milioni di dollari.


Come prova, hanno rilasciato una cache di documenti sui prossimi MacBook Pro. Da allora hanno aggiunto schemi di iMac e molto altro ancora all'interno del loro Blog "happy blog", nelle darknet.


La connessione ad Apple e il tempismo drammatico hanno generato clamore sull'attacco.

Ma tutto questo riflette anche la confluenza di una serie di tendenze inquietanti nel ransomware.


Dopo anni passati a perfezionare le proprie tecniche di crittografia, ora gli operatori di RaaS, si stanno concentrando sempre più sul furto di dati e sull'estorsione come fulcro dei loro attacchi, e in tufto questo le richieste riaultano strabilianti.


#redhotcyber #cybersecurity #technology #hacking #hacker #infosec #infosecurity #cybercrime