Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Apple sta lavorando per eliminare la dipendenza dall’Asia. Realizzerà processori in Arizona

Dopo anni di dipendenza dall’Asia, i player europei e nordamericani stanno cercando di riprendere il controllo sulla produzione dei semiconduttori. Andando in questa direzione, Apple vuole dotare alcuni dei suoi dispositivi di processori realizzati negli Stati Uniti.

L’azienda americana prevede di far produrre alcuni dei semiconduttori di cui ha bisogno da una fonderia in Arizona a partire dal 2024. L’azienda farebbe così un passo importante verso la riduzione della sua dipendenza dall’Asia, dove le fabbriche producono molti dei componenti necessari per realizzare i suoi iPhone e altri prodotti elettronici.

Advertisements

L’argomento è stato sollevato dal CEO Tim Cook durante un meeting interno, riportato da Bloomberg , che si è tenuto in Germania con i dipendenti. 

“Abbiamo già preso la decisione di acquistare una fabbrica in Arizona, e quella fabbrica sarà pronta nel 2024, quindi abbiamo circa due anni davanti a noi per fare questo, forse un po’ meno “, ha detto Tim Cook. “E per l’Europa, sono sicuro che ci riforniremo anche dall’Europa.” ha aggiunto.

Tim Cook si riferisce probabilmente a una fonderia in Arizona che sarà gestita dal partner esclusivo TSMC, secondo Bloomberg. TSMC prevede di aprire una seconda fonderia per aumentare la propria produzione nel Paese. I rappresentanti di Apple e TSMC hanno rifiutato di commentare l’agenzia.

Va notato che Intel ha costruito fabbriche anche in Arizona. Sebbene sia stata per anni uno dei principali fornitori di Apple, l’azienda di Cupertino ora progetta i propri componenti e TSMC li produce. 

Intel ha recentemente annunciato che sta cambiando il modello di business producendo componenti progettati da terze parti, e non più esclusivamente i chip che progetta essa stessa. Ma per il momento non è stato osservato alcun segno di riavvicinamento tra Apple e Intel.