Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Aruba Central di HPE ha subito una violazione dei dati.

HPE ha rivelato che i repository di dati della propria piattaforma di monitoraggio di rete Aruba Central sono stati compromessi, consentendo a un attore di minacce di accedere ai dati raccolti sui dispositivi monitorati e sulle loro posizioni.

HPE ha rivelato oggi che un attore di minacce ha ottenuto una “chiave di accesso” che gli ha consentito di visualizzare i dati dei clienti archiviati nell’ambiente Aruba Central. L’attore delle minacce ha avuto accesso per 18 giorni tra il 9 ottobre 2021 e il 27 ottobre, quando HPE ha revocato la chiave.

Aruba Central è una soluzione di cloud networking che consente agli amministratori di gestire reti e componenti di grandi dimensioni da un’unica dashboard.

I repository esposti contenevano due set di dati, uno per l’analisi della rete e l’altro per la funzione “Tracciamento dei contratti” di Aruba Central.

Advertisements

“Un set di dati (“analisi di rete”) conteneva dati di telemetria di rete per la maggior parte dei clienti Aruba Central sui dispositivi client Wi-Fi connessi alle reti Wi-Fi dei clienti. Un secondo set di dati (“tracciamento dei contatti”) conteneva dati relativi alla posizione Wi-Fi dei dispositivi client inclusi i dispositivi che erano in prossimità di altri dispositivi client Wi-Fi”

spiega una FAQ di Aruba Central sull’incidente di sicurezza.

Il set di dati di rete esposto in questi repository includeva indirizzi MAC, indirizzi IP, sistemi operativi, nome host e, per le reti Wi-Fi autenticate, il nome utente di una persona.

Il set di dati di tracciamento del contratto includeva anche la data, l’ora e i punti di accesso Wi-Fi a cui gli utenti erano connessi, consentendo potenzialmente all’autore della minaccia di tracciare la posizione degli utenti.

“Gli archivi di dati contenevano anche registrazioni di data, ora e punto di accesso Wi-Fi fisico a cui era connesso un dispositivo, che potevano consentire di determinare la vicinanza generale della posizione di un utente. L’ambiente non includeva categorie sensibili o speciali dei dati personali (come definito dal GDPR),”

si legge nelle FAQ.

Advertisements

HPE afferma che stanno cambiando il modo in cui proteggono e archiviano le chiavi di accesso per prevenire incidenti futuri.

Bleepingcomputer ha chiesto ad HPE come è avvenuta la violazione ricevendo la seguente risposta:

“Siamo consapevoli di come gli attori delle minacce hanno ottenuto l’accesso e abbiamo adottato misure preventive per il futuro. I token di accesso non erano legati ai nostri sistemi interni. I nostri sistemi interni non sono stati violati in questo incidente”.