Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Biden chiede alle intelligence di indagare sull’incidente di Kaseya.

Ora si inizia a comprendere meglio l’accaduto.

Joe Biden ha detto sabato di aver ordinato alle agenzie di intelligence statunitensi di indagare sul sofisticato attacco ransomware che ha colpito centinaia di aziende americane ed europee all’inizio del weekend del 4 luglio e ha suscitato sospetti sul coinvolgimento della federazione russa.

Huntress, una società di sicurezza, ha dichiarato venerdì di ritenere che la colpa sia della banda russa REvil. Il mese scorso, l’FBI ha incolpato lo stesso gruppo di aver paralizzato l’azienda produttrice di carne JBS.

Durante una visita in Michigan, a Biden è stato chiesto dell’hack mentre acquistava torte in un frutteto di ciliegi. Il presidente ha detto “non siamo sicuri” di chi ci sia dietro l’attacco.

“Il pensiero iniziale era che non fosse il governo russo, ma non ne siamo ancora sicuri”

ha detto.

Biden ha detto di aver ordinato alle agenzie di intelligence statunitensi di indagare. In un vertice a Ginevra il 16 giugno, Biden ha esortato Vladimir Putin a reprimere gli hacker russi e ha avvertito delle conseguenze se gli attacchi ransomware continuassero.

Kaseya ha affermato che stava indagando su un “potenziale attacco” a VSA, che viene utilizzato dai professionisti IT per gestire server, desktop, dispositivi di rete e stampanti. La cacciatrice ha affermato che stava monitorando otto fornitori di servizi gestiti che erano stati utilizzati per infettare circa 200 clienti.

Gli effetti si sono fatti sentire a livello internazionale. In Svezia, secondo l’emittente pubblica, la maggior parte degli 800 negozi della catena di alimentari Coop non ha potuto aprire perché i registratori di cassa non funzionavano. Colpite anche le ferrovie dello Stato e un’importante catena di farmacie.