Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Blackout in Kazakistan per i minatori di criptovalute dal 21 al 31 gennaio.

I minatori in Kazakistan sono stati avvertiti in anticipo di un blackout a fine febbraio a causa delle tensioni per il mantenimento dell’equilibrio tra elettricità e capacità nel sistema energetico unificato del paese, ha affermato la società di gestione.

Le aziende che estraggono criptovalute in Kazakistan sono state disconnesse dalla rete elettrica dal 24 al 31 gennaio. La decisione è stata presa dalla compagnia energetica del Kazakistan, come riporta il quotidiano “Informburo”.

Secondo quanto riferito, KEGOC (la Kazakistan Electricity Grid Operating Company, società elettrica del paese) ha inviato lettere preventive a 196 organizzazioni di mining di criptovalute.

“Attualmente, c’è una situazione tesa per quanto riguarda il mantenimento dell’equilibrio tra elettricità e capacità nell’UES del Kazakistan. A questo proposito, pur mantenendo la situazione attuale nel periodo dal 24 gennaio al 31 gennaio 2022 compreso, la prevista fornitura di energia elettrica alle persone impegnate nel digital mining è completamente annullata”

si legge nel documento.

Advertisements

Secondo le stime preliminari di KEGOC, il volume del consumo di elettricità in Kazakistan da parte delle mining farm di criptovaluta supera 1 GW. E a causa del forte aumento dell’estrazione di criptovalute e dell’alto tasso di incidenti nelle centrali elettriche del Kazakistan, il paese sta acquistando flussi di energia dalla Russia per un importo di circa 1-1,5 GW al giorno.

Secondo Alan Dordzhiev, presidente dell’Association of Blockchain and Data Center Industry in Kazakistan, è più probabile che i problemi con l’elettricità siano collegati non ai minatori, ma alle infrastrutture.

“Il nostro intero sistema è sull’orlo del collasso. L’ammortamento delle stazioni è superiore al 70%, l’età media delle stazioni è di circa 40 anni. L’industria si è rivelata gravemente sottofinanziata”

ha riportato il capo dell’associazione.

Dorjiev ha osservato che a causa di problemi nel settore energetico del paese, le società impegnate nel mining di criptovalute saranno costrette a lasciare il Kazakistan.