Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Brave critica DuckDuckGo per la fedeltà ai tracker Microsoft Bing e LinkedIn

Il CEO Brendan Eich di Brave, ha criticato il rivale DuckDuckGo per aver cercato di “smussare” il fatto che il suo browser Android, iOS e macOS consente i tracker di Microsoft Bing e LinkedIn mentre ne blocca gli altri.

L’attenzione di Eich è stata attirata da un argomento con cui DuckDuckGo ha cercato di giustificare l’esclusione che il suo browser fa per i servizi Microsoft. Secondo DuckDuckGo, il blocco dei tracker di Bing e LinkedIn non viene fornito con un accordo di ricerca.

“Blocchiamo quasi tutti i tracker non di ricerca (nel nostro browser). Sfortunatamente, il nostro contratto di syndication di ricerca con Microsoft ci vieta di fare qualsiasi altra cosa con la proprietà di Microsoft. Tuttavia, stiamo costantemente andando avanti e speriamo di fare di più presto”

ha spiegato Gabriel Weinberg, CEO di DuckDuckGo, il mese scorso.

Tuttavia, Eich non è incline a credere a Weinberg. 

Advertisements

DuckDuckGo fa anche eccezioni per consentire ai tracker Microsoft di evitare di bloccare i cookie di terze parti con parametri URL aggiunti, ha affermato. Allo stesso tempo, il browser non consente ai cookie di Facebook e altri di aggirare il blocco aggiungendo identificatori all’URL.

Come spiegato da Eich, DuckDuckGo rimuove le opzioni gclid (Google) e fbclid (Facebook), ma salta l’opzione msclkid di Microsoft.

I rappresentanti di DuckDuckGo hanno definito errate le conclusioni di Eich.

“Sembra che Brendan si riferisca solo ai clic sugli annunci protetti dal nostro accordo con Microsoft come strettamente non di profilazione (privati). Questo annuncio è protetto da un accordo di riservatezza e il modo in cui lo ha presentato è in definitiva fuorviante. Brendan, ovviamente, ha nascosto il fatto che i nostri annunci sono privati ​​e non c’è davvero nulla di nuovo, dal momento che tutto è già stato divulgato”

hanno detto i rappresentanti di DuckDuckGo a The Register.

Advertisements

In altre parole, consentire a Bing di aggiungere il proprio identificatore agli URL consente agli inserzionisti solo di determinare se un utente ha fatto clic sul proprio annuncio, ma non di mostrargli annunci mirati in base al comportamento o alla personalità.