C'era la Cina dietro l'attacco hacker alla Norvegia.


Il servizio di intelligence della polizia norvegese (PST) ha dichiarato giovedì che dietro un grande attacco hacker subito dall'amministrazione statale Norvegese, c'era il gruppo di spionaggio informatico APT 31.



Secondo i media norvegesi NRK, il capo del dipartimento del PTS Hanne Blomberg ha dichiarato:

"Nel caso specifico, abbiamo informazioni di intelligence, che indicano una chiara direzione di APT 31, dietro all'operazione contro gli uffici dell'amministrazione statale. APT 31 è un attore associamo al servizio di intelligence cinese"

ha aggiunto.


APT 31 è stato in precedenza dietro gli attacchi degli hacker in Norvegia, Finlandia, Stati Uniti e in altre parti del mondo. L'attacco degli hacker nel 2018 era rivolto alle amministrazioni regionali in Norvegia. La prima area ad essere colpita è stata l'Aust- e West-Agder.


Da lì, si è spostato nell'area di Oslo prima che i sistemi informatici in tutto il paese venissero colpiti. PTS ha preso l'attacco estremamente sul serio e lo ha indagato come spionaggio per rubare segreti di stato.



Un rapporto del Defense Research Institute (FFI) ha stabilito che durante l'attacco, gli hacker hanno trafugato 1,2 gigabyte di dati e, tra le altre cose, sono stati rubati nomi utente e password dei dipendenti della regione.


PTS sta tuttavia chiudendo le indagini e abbandon