Causa Facebook contro NSO Group, iniziano i dettagli tecnici.



Nei documenti del tribunale depositati ieri, #Facebook ha affermato di collegare 720 istanze di attacco contro gli utenti di #WhatsApp a un singolo indirizzo IP appartenente ad un provider #QuadraNet della California.


Gli attacchi sono stati effettuati contro gli utenti di WhatsApp nella primavera del 2019.


L'exploit utilizzato nell'attacco è stato uno #zeroday della funzione VoIP della famosa APP di messaggistica che una volta installato iniziava a comunicare con il server di comando e controllo (#C2) controllato dalla NSO.


Facebook ha fatto causa a #NSO l'anno scorso per aver sviluppato l'#exploit e averlo reso disponibile ai suoi clienti (governi stranieri), che lo hanno poi utilizzato per #hackerare gli #utenti di WhatsApp, responsabile di un abbattimento della sua reputazione.


La NSO sostiene che è immune da questa causa, in quanto "sviluppa sistemi di spionaggio per i governi".

E la nostra Privacy chi la tutela?


👇 Come funzionano gli zeroday per sistemi governativi https://youtu.be/fVzenLhqJzc


👇 Articolo ZDNet https://www.zdnet.com/article/nso-lawsuit-facebook-links-hundreds-of-whatsapp-attacks-to-one-ip-address/


#redhotcyber #cybersecurity #privacy

1 visualizzazione

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now