Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

C’è Anonymous dietro gli hack ai siti web dei dipartimenti federali russi?

Sulle pagine principali dei siti sono apparse immagini con sagome di militari, carri armati e bandiere ucraine e russe.

L’attacco avrebbe colpito i siti web governativi russi, del Servizio giudiziario federale, dell’Agenzia federale per il trasporto aereo, del Ministero dell’industria e del commercio, il Ministero delle risorse naturali, la Guardia russa, Roszdravnadzor, l’Agenzia federale per il trasporto ferroviario, Rosmorrechflot e Rosselkhoznadzor.

Attualmente i siti web di molti ministeri e dipartimenti non si aprono, mentre altri hanno un banner provocatorio.

Finora, nessuno ha rivendicato la responsabilità di questi attacchi informatici.

Advertisements

Ricordiamo che in precedenza gli hacktivisti di Anonymous hanno dichiarato guerra alla Russia effettuando diversi hack ad alto impatto.

Una rete di distributori di benzina vicino all’aeroporto Sheremetyevo è stata violata, sono stati effettuati massicci “deface” ai principali media russi, è stato fatto un tentativo di danneggiare i prodotti nell’azienda agricola Selyatino e sono stati hackerati diversi canali televisivi russi e cinema online come Wink e Ivi .

“L’hacktivismo è per sua natura sempre rumoroso, mentre l’intelligence è solitamente silenziosa”

ha affermato l’ex hacker dell’NSA Jake Williams.

“Gli hacktivisti con i motivi più nobili, proclamando ad alta voce le loro azioni, potrebbero rivelare inconsapevolmente un’operazione di intelligence su una rete vulnerabile, passata inosservata da molto tempo. Le spie verranno inavvertitamente smascherate a causa di attacchi di hacktivismo di alto profilo”.