Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

ChatGPT ora funziona anche su DOS! Un hacker ha sviluppato la soluzione su un vecchio IBM PC 5155

Redazione RHC : 29 Marzo 2023 08:39

Un programmatore e “appassionato di retroinformatica” di nome Yo Kheng Man, che vive a Singapore, è riuscito a programmare un client DOS per utilizzare la rete neurale ChatGPT di OpenAI. Lo sviluppatore ha registrato il suo dialogo con il modello di intelligenza artificiale su video e lo ha caricato su YouTube. 

Vale la pena notare che l’autore dell’idea non ha utilizzato un emulatore DOS: il chatbot è stato lanciato nativamente su un antico PC portatile IBM 5155 (1984).

“Il DOS non ha funzionalità di rete integrate e la potenza di calcolo dei computer più vecchi è estremamente bassa. Pertanto, durante la scrittura del codice per questa piattaforma, alcune difficoltà erano inevitabili”, ha detto l’appassionato nel suo blog .

Yo Khan Man ha utilizzato il compilatore Open Watcom C/C++ per creare il programma. Il DOS non è fornito in bundle con il netcode, ha detto, ma gli sviluppatori hanno creato da tempo le proprie soluzioni. L’appassionato ha utilizzato MTCP per i suoi compiti: uno stack di rete scalabile creato per macchine DOS.

Gestire la crittografia è stato un po’ più difficile. Le API ChatGPT sono gestite tramite HTTPS, ma semplicemente non esistono librerie aggiornate per DOS che forniscano supporto per questo protocollo. In precedenza, lo sviluppatore aveva già riscontrato un problema simile nell’altro suo progetto, quindi la soluzione è stata trovata abbastanza rapidamente.

“Ho deciso di ingannare il sistema utilizzando il mio proxy http-to-https Golang. Il proxy funziona su un PC moderno e funge da intermediario trasparente. Controlla il campo host delle richieste HTTP e inoltra i byte socket grezzi come HTTPS ai server OpenAI. Il risultato viene quindi passato byte per byte al programma senza alcuna modifica.”

Quando la rete neurale è stata lanciata con successo sull’IBM 5155, l’appassionato ha chiesto a ChatGPT di parlare del computer che stava utilizzando. Il chatbot ha fornito dettagli sul dispositivo, menzionando che è stato uno dei primi computer portatili rilasciati da IBM nel lontano 1984, e le sue dimensioni compatte e il display monocromatico integrato lo hanno reso una scelta popolare tra i lavoratori che lavorano fuori casa.

Per tutti i possessori di computer DOS che vogliono anche “pompare” la loro macchina retrò con tecnologie di intelligenza artificiale, l’autore del progetto ha pubblicato il codice sorgente del software che ha scritto su GitHub.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.