Cina e CPU AMD. La corsa all'indipendenza Cyber.

Nel 2016, attraverso una serie di joint venture e società create, #AMD ha concesso in licenza la progettazione dei suoi processori #Zen #x86 di prima generazione da vendere in Cina.


L'obiettivo era duplice: la #Cina voleva una soluzione da “coltivare in casa" per il calcolo x86 ad alte prestazioni e AMD all'epoca aveva bisogno di un'iniezione di denaro.


Il risultato di questa rete di imprese fu la gamma di processori #Hygon #Dhyana, che andava dall'uso commerciale a quello #server.


A causa del design Zen 1 su cui si basava, si è ipotizzato che le #prestazioni fossero in linea con #Ryzen 1000 e nessuno in Occidente ha testato pubblicamente l'hardware.


Come la russia (ne abbiamo parlato ieri) anche la cina sta lavorando per l’indipendenza Cyber, eliminando parti di codice #opensource USA sviluppando codice chiuso proprietario oltre a dotarsi di #hardware capace di sostituire le tecnologie Occidentali ad oggi presenti.


#redhotcyber #cybersecurity #technology


https://www.hardwaretimes.com/8-core-16-thread-chinese-hygon-cpu-surfaces-performance-seemingly-on-par-with-the-intel-core-i5-7600/

1 visualizzazione

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now