Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Clearview AI si schiera gratuitamente a supporto dell’Ucraina.

Clearview AI (la nota e controversa azienda che produce tecnologia di riconoscimento facciale), sta fornendo la sua tecnologia al ministero della Difesa ucraino per aiutare a identificare le persone, possibilmente ai posti di blocco o per identificare i defunti, ha riportato Reuters.

L’app biometrica è stata offerta gratuitamente dal CEO Hoan Ton-That di Clearview, per assistere gli ucraini nell’identificazione e per combattere la disinformazione.

Il consulente Lee Wolosky ha detto a Reuters che potrebbe essere utilizzato per controllare le persone ai checkpoint, oltre ad altre applicazioni ad oggi non conosciute.

Non è chiaro esattamente per cosa venga utilizzato il riconoscimento facciale di Clearview in questo momento.

Advertisements

La società afferma di avere più di 2 miliardi di immagini dal sito di social media russo VKontakte nel suo database, composto da 10 miliardi di foto.

Il ministero della Trasformazione digitale ucraino, in precedenza aveva affermato che stava valutando le offerte dei fornitori di intelligenza artificiale USA, ma il ministero della Difesa del paese ha rifiutato di commentare.

Ton-That ha scritto nella lettera vista da Reuters, che il riconoscimento facciale di Clearview potrebbe identificare le persone decedute più facilmente della biometria e delle impronte digitali e funzionerebbe anche se le vittime avessero subito lesioni facciali, e ha anche suggerito l’uso dell’app per riunire le famiglie lacerate dalla guerra. Ha anche suggerito di usarlo per identificare gli agenti russi.

Ton-That e Wolosky hanno affermato che le agenzie governative ucraine oltre al Ministero della Difesa dovrebbero schierare Clearview nel prossimo futuro. Wolosky ha anche affermato che le immagini VKontakte di Clearview gli forniscono un database più ampio di quello di PimEyes, che è stato utilizzato per identificare i militari nelle foto di guerra.

Advertisements

Clearview sta tentando di riformare un’immagine martoriata dalle accuse di “sorveglianza di massa” e di aver violato i termini e le condizioni dei social network come Twitter  in relazione alla privacy dei suoi utenti. 

Sta inoltre affrontando un elenco crescente di multe  da parte delle autorità di regolamentazione.

La società ha presentato il suo algoritmo biometrico alla valutazione di benchmarking FRVT del National Institute of Standards and Technology degli Stati Uniti e ha ottenuto voti elevati in termini di accuratezza e parità razziale, sottolineando il suo ruolo nell’identificazione dei partecipanti alla rivolta nella capitale degli Stati Uniti  il ​​6 gennaio 2021.

Ton-That ha detto a Reuters che il servizio di Clearview non dovrebbe mai essere utilizzato esclusivamente per l’identificazione e che la società si aspetta che la sua tecnologia venga utilizzata in conformità con la Convenzione di Ginevra. 

Advertisements

Il rapporto rileva inoltre che il gruppo della società civile Surveillance Technology Oversight Project avverte che le tecnologie introdotte sul campo di battaglia sono a volte soggette ad un uso improprio.