Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Consapevolezza e Intelligenza Artificiale. Scopriamo la ricerca della Columbia University

Un team di scienziati con sede negli Stati Uniti afferma di aver sviluppato un’intelligenza artificiale che ha raggiunto un certo grado di auto consapevolezza, un risultato che, se fosse vero, indicherebbe un grande balzo in avanti per la tecnologia di intelligenza artificiale.

I ricercatori hanno affermato in un rapporto del New Scientist questa settimana che stanno lavorando per convincere le macchine a “pensare a se stessa”, in particolare nel contesto dei loro ambienti fisici.

Per raggiungere tale scopo hanno circondato un robot connesso alla rete neurale con cinque telecamere e hanno permesso al dispositivo di osservare i propri movimenti per diverse ore. 

La rete neurale potrebbe successivamente prevedere, con un alto grado di precisione, dove si troverebbe il braccio meccanico del robot nello spazio fisico se il robot lo spostasse. 

Advertisements

“Per me, questa è la prima volta nella storia della robotica che un robot è stato in grado di creare un modello mentale di se stesso”

ha detto il ricercatore della Columbia University Hod Lipson. 

“È un piccolo passo, ma è un segno di cose a venire”.

Lipson ha suggerito che la piena consapevolezza di sé simile a quella umana per un robot è ancora lontana decenni. Altri ricercatori, nel frattempo, hanno espresso scetticismo anche per queste prime affermazioni di autocoscienza.

“Il computer corrisponde semplicemente a modelli di forma e movimento che hanno la forma di un braccio robotico che si muove”

Advertisements

ha detto a New Scientist Andrew Hundt del Georgia Institute of Technology.