Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Deepfake di guerra. Ce ne saranno di più convincenti in futuro?

Nell’ultimo mese, il volto del presidente ucraino Volodymyr Zelensky è diventato noto come mai prima d’ora, e questo ha il suo lato negativo. I molti video in circolazione, consentono agli aggressori di creare deepfake, attribuendogli parole che non ha mai detto

Ad esempio, la scorsa settimana ha iniziato a circolare sul Web un video deepfake, in cui Zelensky avrebbe invitato l’esercito ucraino a deporre le armi e ad arrendersi. Lo stesso presidente ucraino l’ha definita una “provocazione infantile”.

Sebbene il video non sia particolarmente convincente, gli esperti temono che una tecnologia deepfake più avanzata possa causare un vero caos in futuro.

“Potremmo incontrare altri deepfake più impressionanti e complessi, che sono molto difficili da distinguere da quelli reali”

ha detto ai giornalisti della Canadian Broadcasting Corporation Abby McDonald, specialista del Canadian Institute of International Affairs in Security and Defense Policies (CBC).

Advertisements

Le tecnologie Deepfake non sono apparse ieri e sono già note agli utenti. Come ha spiegato McDonald, vanno da quelli economici di bassa qualità creati con software più primitivi a deepfake complessi che utilizzano intelligenza artificiale e tecnologie innovative e sono altamente realistici.

I deepfake sono venuti alla ribalta ultimamente, quindi ci si può aspettare di tutto in questo periodo.

“Era assolutamente prevedibile. Non so se stato creato dal governo o su suo ordine, o solo da qualcuno su Internet per ingannare le persone”

ha affermato Alyssa Demus, analista senior dell’organizzazione scientifica.

Tuttavia, non solo il presidente ucraino è ora oggetto di deepfake. Lo stesso si può dire di Vladimir Putin. Così, recentemente è circolato sui social un video in cui il presidente russo avrebbe annunciato una tregua.

Advertisements

“Penso che la domanda principale sia questa: ce ne saranno di più e più convincenti nel prossimo futuro? Questo è ciò che è veramente spaventoso. Il fatto è che abbiamo già visto deepfake e finora è stato abbastanza facile sfatarli, abbastanza facile mostrare da dove provenissero. Ma penso che presto la situazione cambierà”

ha affermato il professore della New York University Eliot Borenstein.