Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Ancora una violazione di Sicurezza in AT&T. Esfiltrati i Registri delle Chiamate di Milioni di Utenti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Parla Vanir Group! L’intervista di RHC agli ex affiliati di LockBit, Karakurt and Knight: “Assumete professionisti, non siate tirchi!”  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  CVE-2024-4577: La Vulnerabilità PHP Sfruttata entro 24 Ore dalla Sua Scoperta  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Palo Alto Networks Risolve Vulnerabilità Critiche di Sicurezza: Aggiornamenti per CVE-2024-5910 e BlastRADIUS  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Il Mondo Ha Bisogno di Nuovi Muri! Come la Sicurezza Nazionale Sta Cambiando il Panorama Geopolitico Globale  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  La National Security Agency degli Stati Uniti è stata violata? 325.498 nomi, email, numeri di telefono e indirizzi compromessi  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Meow Ransomware rivendica l’attacco nel suo Data Leak Site al colosso HPE  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Il Threat Actors 888 rivendicata una compromissione di Microsoft  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Il Threat Actors 888 rivendicata una compromissione di Nokia  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Due gravi vulnerabilità sono state rilevate su Citrix NetScaler Console, Agent e SVM  ///  
Crowdstrike

Di giorno mamma e di notte hacker. La storia di una donna russa di Genova.

Redazione RHC : 11 Ottobre 2021 18:27

La Polizia Postale e il Tribunale di Genova, hanno arrestato una donna 40enne di origine russa, la quale faceva parte di un’organizzazione inpegnata in frodi informatiche, ricettazione e riciclaggio di denaro sporco.

Di giorno era una tranquilla madre di famiglia, ma di notte si trasformava in una avvenente esperta di criminalità informatica.

La donna era un ingegnere informatico con la passione per le criptovalute e le carte di credito.

La polizia postale, al termine di una complessa indagine, ha arrestato la donna la quale una volta rubate le carte di credito e i fondi degli utenti, creava nuove identità e ritirava presso dei punti di recapito sempre diversi della provincia di Genova, gli oggetti che acquistava sui portali di e-commerce.

La 40enne si presentava presso i punti di ritiro munita di documenti falsi o reclutava terze persone che, dietro compenso, ritiravano i pacchi al posto suo.

Si trattava di telefonini di ultima generazione o materiale elettronico di altissima qualità, che poi spediva in Russia a soggetti appartenenti all’organizzazione, oppure venivano messi in vendita sui noti portali dedicati di e-commerce.

I guadagni venivano riciclati tramite l’acquisto di altra criptovaluta presso degli exchange internazionali.

Gli investigatori della Polizia Postale, grazie ad altre indagini, hanno scoperto che la donna collaborava con una organizzazione transnazionale dedita alle frodi telematiche, al riciclaggio, con la conseguente emissione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dell’indagata.

Nel corso della perquisizioni, gli investigatori della sezione financial cybercrime della Polizia Postale hanno sequestrato numerosi Pos e centinaia di carte di credito appositamente attivate per riciclare i proventi derivanti da truffe e frodi informatiche.

E’ tuttora al vaglio degli investigatori l’analisi del corposo materiale informatico sequestrato.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.