Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Dipendenti infedeli: Pfizer accusa un’impiegata di aver rubato dati sul vaccino del Covid-19.

Pfizer ha citato in giudizio una sua dipendente, accusandola di aver rubato migliaia di documenti, compresi quelli contenenti segreti commerciali, relativi al vaccino sul Covid-19.

Secondo la causa avviata questa settimana presso il tribunale del distretto meridionale della California, Chun Xiao Li avrebbe caricato 12.000 file, tra cui “dozzine” di documenti sensibili, sul suo Google Drive.

Advertisements

I documenti rubati coprono una vasta gamma di argomenti, tra cui la ricerca sui vaccini, gli obiettivi operativi e lo sviluppo di nuovi farmaci.

Pfizer crede che la donna stesse portando queste informazioni alla società farmaceutica Xencor e, dopo aver appreso di essere osservata, ha fornito agli investigatori un laptop “falso”.

L’azienda chiede un’ingiunzione temporanea contro l’uso, la divulgazione, il trasferimento e la modifica delle informazioni da parte di un dipendente. Pfizer chiede che il tribunale ordini alla donna di concedere all’avvocato della società l’accesso ai suoi account Google Drive personali e a tutti i suoi dispositivi informatici.

Advertisements

Chun Xiao Li è entrata a far parte del Pfizer Global Product Development Group in Cina nel 2006 e dieci anni dopo si è trasferita alla divisione di San Diego. Al momento dell’assunzione, la donna ha firmato un accordo di non divulgazione.

Nel 2019, Pfizer ha disabilitato l’utilizzo delle chiavi USB da parte dei suoi dipendenti per prevenire perdite di dati. Nell’ottobre 2021, la società ha anche introdotto una tecnologia per monitorare i caricamenti di file dei dipendenti su piattaforme cloud come Google Drive. Grazie a questa tecnologia, il datore di lavoro “ha notato” che il dipendente aveva caricato 12mila file sospetti.

L’analisi dell’e-mail di lavoro di Lee ha rivelato che il dipendente è stato intervistato dalla Xencor. Quando è stata sorpresa a scaricare i file, la donna ha ammesso di aver effettivamente scaricato i file con l’obiettivo di metterli in ordine offline per uso personale, ma di non averli copiati o inviati da nessuna parte.

Advertisements

Dopo aver parlato con gli investigatori, Pfizer ha affermato di aver eliminato tutti i file dal suo Google Drive. La dipendente ha confessato di aver cancellato i dati durante una seconda conversazione con gli investigatori, dopo di che le è stato richiesto di fornire un laptop personale e dischi rigidi esterni.