Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Documenti classificati della NATO rubati all’esercito portoghese sono in vendita nel darkweb

Secondo i media, lo stato maggiore delle forze armate portoghesi è stato oggetto di un attacco hacker, durante il quale gli aggressori sono riusciti a rubare documenti segreti della NATO. I dati rubati sono ora in vendita sul dark web.

L’attacco informatico allo Stato Maggiore del Paese è stato riportato dal quotidiano locale Diário de Notícias. Riferendosi alle loro fonti, i giornalisti scrivono che lo Stato Maggiore è venuto a conoscenza dell’attacco dopo che gli hacker hanno pubblicato campioni dei dati rubati sulla darknet, dicendo che avrebbero venduto l’intera raccolta di informazioni alle parti interessate.

Il fatto è che i primi a prestare attenzione alla proposta di vendere i dati segreti sono stati gli agenti della cyber intelligence americana, che hanno notificato la loro scoperta all’ambasciata americana a Lisbona, e i diplomatici avevano già avvertito il governo portoghese della fuga di notizie. 

Attualmente, gli esperti dell’Ufficio per la sicurezza nazionale e del Centro nazionale per la sicurezza informatica del Portogallo stanno indagando sull’accaduto.

Advertisements

“Si è trattato di un attacco informatico tentacolare e nascosto che utilizzava robot programmati per rilevare questo tipo di documenti, che sono stati successivamente rubati in più fasi”, hanno detto ai giornalisti una delle fonti anonime vicine all’indagine.

Le stesse fonti hanno riferito della pubblicazione riportando che i documenti trapelati sono “estremamente gravi” e la loro distribuzione potrebbe provocare una vera crisi di fiducia in Portogallo nella NATO.

I media locali hanno notato che la notizia di questa fuga di dati ha sorpreso molti membri del parlamento, che non capiscono perché i dati militari segreti vengono venduti su Internet e che i servizi di intelligence del paese non sono stati in grado di rilevare una violazione così grave in tempo.

Non sono ancora pervenute dichiarazioni ufficiali sull’incidente da parte delle autorità portoghesi.