Donald Trump ha annunciato di aver intentato azioni legali contro Facebook, Twitter e Google.


L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato azioni legali collettive contro Twitter, Facebook e Google per "censura illegale" dei messaggi dell'ex capo di stato e di altri repubblicani.


La causa richiede al tribunale di dichiarare incostituzionale la "Sezione 230" del Communications Decency Act, che protegge i proprietari dei social media dalla responsabilità per la pubblicazione di utenti e la censura dei contenuti.



L'ex presidente attraverso il tribunale chiederà anche un risarcimento e l'imposizione di una multa alle società informatiche per aver bloccato il suo account e gli account di altri utenti delle piattaforme online. Inoltre, la causa richiede il ripristino di questi conti.

"Chiediamo la fine del blocco delle ombre, la pratica del silenzio, l'inserimento nelle liste nere, lo sradicamento e la cancellazione"

ha affermato Donald Trump.

"Dimostreremo che questa censura è illegale, incostituzionale e estranea agli americani".

In precedenza, i social network americani hanno bloccato gli account del capo dello stato.


La decisione è stata spiegata dal fatto che "il presidente Donald Trump intendeva utilizzare il tempo rimanente in carica per interrompere il trasferimento pacifico del potere".