Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

DropBox è stata vittima di un importante attacco informatico

La società di file hosting Dropbox ha riferito il 1° novembre di essere stata vittima di una campagna di phishing che ha consentito ad aggressori di ottenere l’accesso non autorizzato a 130 repository di codice sorgente su GitHub.

“Questi repository includevano le nostre copie di librerie di terze parti leggermente modificate per utilizzare Dropbox, prototipi interni e alcuni degli strumenti e dei file di configurazione utilizzati dal team di sicurezza”

Advertisements

ha affermato la società in una nota.

Gli hacker hanno ottenuto l’accesso ad alcune delle chiavi API utilizzate dagli sviluppatori Dropbox, oltre a “diverse migliaia di nomi e indirizzi e-mail di dipendenti, clienti, responsabili delle vendite e fornitori di Dropbox”.

È importante notare che i repository non contengono il codice sorgente associato alle applicazioni o all’infrastruttura principali dell’azienda.

Advertisements

All’inizio di ottobre, diversi utenti Dropbox hanno ricevuto delle e-mail di phishing che si spacciavano per la piattaforma di integrazione CircleCI, alcune delle quali hanno aggirato i filtri antispam e sono finite nelle caselle di posta dei dipendenti.

Le e-mail hanno reindirizzato i dipendenti a una pagina di accesso falsa di CircleCI. Le vittime hanno immesso le proprie credenziali GitHub e quindi utilizzato la chiave di autenticazione hardware per inviare una password monouso (OTP) al sito dannoso.

Ad agosto 2022, Dropbox, che offre servizi di archiviazione cloud, backup dei dati e firma di documenti, conta oltre 17,3 milioni di utenti paganti e 700 milioni di utenti registrati.

La società non ha detto quanti dei suoi dipendenti sono stati oggetto di phishing, ma ha affermato di aver preso provvedimenti immediati per modificare tutte le credenziali degli sviluppatori divulgate e ha allertato le forze dell’ordine. 

Advertisements

Dropbox non ha trovato prove che i dati dei clienti siano stati rubati. 

La società ha anche affermato che sta aggiornando i suoi sistemi di autenticazione a due fattori per supportare le chiavi di sicurezza basate su hardware per la protezione dal phishing.