Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

DuckDuckGo e Brave browser dichiarano guerra a Google AMP

Google ha lanciato il suo protocollo Accelerated Mobile Page (AMP) nel 2015 e ha promesso che la tecnologia avrebbe portato una navigazione Internet più veloce sui dispositivi portatili. 

Tuttavia, nel tempo, AMP è diventato meno dipendente dalla velocità e ha iniziato a trasferire una grande quantità di dati utente al gigante della ricerca.

Di conseguenza, gli esperti di privacy di Brave e DuckDuckGo hanno annunciato due iniziative separate per proteggere gli utenti dal monitoraggio aggiuntivo implementato da Google sulle pagine Web abilitate per AMP. 

La nuova funzionalità di Brave chiamata De-AMP sarà abilitata per impostazione predefinita sulle versioni desktop e Android del suo browser. Poco dopo la notizia, il motore di ricerca DuckDuckGo ha annunciato su Twitter che tutte le sue app ed estensioni sarebbero state protette anche dal tracciamento AMP.

“Google sta utilizzando AMP per consolidare ulteriormente il suo monopolio imponendo la tecnologia agli editori, dando priorità ai collegamenti AMP nella ricerca e dando priorità agli annunci Google sulle pagine AMP”

ha scritto un portavoce di DuckDuckGo.

Come spiegato da DuckDuckGo, quando un utente carica una pagina abilitata per AMP di Google utilizzando l’app DuckDuckGo o l’estensione del browser

“verrà utilizzata la pagina Web dell’editore originale anziché la versione AMP di Google”.

Brave ha offerto un’idea più chiara di come dovrebbe funzionare De-AMP. 

Il browser “riscriverà link e URL” in modo che gli utenti non finiscano affatto su queste versioni di pagine fornite da Google. Brave eseguirà la scansione delle pagine Web per evitare il rendering del codice AMP. Se viene rilevato, interromperà il caricamento della pagina corrente e reindirizzerà gli utenti alla versione “reale” del sito prima del caricamento della pagina.