Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

E’ arrivato il tempo della “Internet of Smell” (IoS). Parola della Cina

Il governo cinese ha pubblicato un piano per lo sviluppo dell’industria della realtà virtuale e ha proposto di avviare la ricerca nel campo della “simulazione degli odori”, suggerendo che è giunto il momento per lo sviluppo della cosiddetta “Internet of Smell” (IoS ).

La Cina prevede di spedire 25 milioni di dispositivi VR all’anno entro il 2025. Il piano prevede inoltre la creazione di 10 parchi di realtà virtuale per la ricerca applicativa, nonché lo sviluppo di almeno 20 casi d’uso VR e 100 applicazioni VR integrate. 

Advertisements

La Cina ha anche bisogno di una piattaforma VR aperta per la collaborazione dei ricercatori.

La Cina chiede inoltre un’ampia ricerca sulle tecnologie che contribuiscono a un’esperienza VR più coinvolgente, tra cui:

Advertisements
  • tracciamento dei gesti;
  • tracciamento dello sguardo;
  • tracciare le emozioni;
  • motion capture di tutto il corpo;
  • suono coinvolgente;
  • comprensione ad alta precisione dell’ambiente;
  • ricostruzione 3D dello spazio;
  • imitazione dell’odore;
  • movimento virtuale e tocco.

L’interfaccia cervello-computer (BCI) è anche nel piano di Pechino per promuovere “lo sviluppo dell’interazione sensoriale verso la naturalizzazione e l’intelligenza”.

Per la tecnologia VR, la Cina vuole utilizzare display 8K con una frequenza di aggiornamento di 60 fps e display 4K in miniatura. Secondo il piano, anche gli smartphone dovrebbero essere aggiornati per funzionare come display VR.

Tutte le attività dovrebbero essere progettate con un occhio di riguardo alle arti, al turismo, allo sport, alla formazione sulla sicurezza in ambienti pericolosi come le miniere e i complessi lavori di costruzione.