Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Edward Snowden diventa cittadino russo mentre vengono mobilitati i “riservisti”

L’ex appaltatore dell’intelligence statunitense e informatore Edward Snowden lunedì ha ottenuto la cittadinanza russa dal presidente Vladimir Putin.

Questo è avvenuto ben nove anni dopo che Snowden ha esposto per la prima volta un fiume di informazioni “top secret” in quello che è stato chiamato lo scandalo del Datagate, che riportava la sorveglianza segreta da parte dell’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Advertisements

L’ormai 39enne è fuggito dagli Stati Uniti e ha ottenuto asilo politico in Russia dopo aver fatto trapelare file segreti nel 2013 che rivelavano vaste operazioni di sorveglianza interna e internazionale svolte dalla NSA, dove lavorava.

A quel tempo, ha parlato con Glenn Greenwald e Laura Poitras del Guardian:

Advertisements

“Quando vedi tutto questo e lo vedi sempre con maggiore frequenza, riconosci che alcune di queste cose sono in realtà abusi. E quando ne parli con le persone, in un posto come questo in cui questo è il normale stato delle cose, le persone tendono a non prenderti molto sul serio…”

Per anni le autorità statunitensi hanno voluto che Edward Snowden tornasse negli Stati Uniti per affrontare un processo penale con l’accusa di spionaggio.

Putin, lui stesso un ex capo della e spia russa, ha detto nel 2017 che Snowden aveva torto a far trapelare i segreti degli Stati Uniti ma non era un traditore.

La Russia ha concesso a Snowden i diritti di residenza permanente nel 2020, aprendogli la strada per ottenere la cittadinanza russa.

Snowden è quindi uno dei 75 cittadini stranieri elencati dal decreto a cui è stata concessa la cittadinanza russa. Il decreto è stato pubblicato su un sito ufficiale del governo.

Advertisements

L’avvocato di Snowden, Anatoly Kucherena, ha detto all’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti che anche la moglie dell’ex appaltatore Lindsay Mills, un’americana che ha vissuto con lui in Russia, chiederà un passaporto russo. La coppia ha avuto un figlio a dicembre 2020.

Snowden, che ha mantenuto un basso profilo in Russia e occasionalmente ha criticato le politiche del governo russo sui social media, nel 2019 ha dichiarato di essere disposto a tornare negli Stati Uniti se gli sarà garantito un processo equo.

Non ha commentato la concessione della cittadinanza russa.

Da sottolineare che questa mossa arriva mentre Mosca sta mobilitando i riservisti per quella che il Cremlino chiama una “operazione militare speciale” in Ucraina.