Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Ancora una violazione di Sicurezza in AT&T. Esfiltrati i Registri delle Chiamate di Milioni di Utenti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Parla Vanir Group! L’intervista di RHC agli ex affiliati di LockBit, Karakurt and Knight: “Assumete professionisti, non siate tirchi!”  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  CVE-2024-4577: La Vulnerabilità PHP Sfruttata entro 24 Ore dalla Sua Scoperta  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Palo Alto Networks Risolve Vulnerabilità Critiche di Sicurezza: Aggiornamenti per CVE-2024-5910 e BlastRADIUS  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Il Mondo Ha Bisogno di Nuovi Muri! Come la Sicurezza Nazionale Sta Cambiando il Panorama Geopolitico Globale  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  La National Security Agency degli Stati Uniti è stata violata? 325.498 nomi, email, numeri di telefono e indirizzi compromessi  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Meow Ransomware rivendica l’attacco nel suo Data Leak Site al colosso HPE  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Il Threat Actors 888 rivendicata una compromissione di Microsoft  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Il Threat Actors 888 rivendicata una compromissione di Nokia  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Due gravi vulnerabilità sono state rilevate su Citrix NetScaler Console, Agent e SVM  ///  
Crowdstrike

Emergenza Internet in Africa: Cavi sottomarini danneggiati e connessioni interrotte

Redazione RHC : 15 Maggio 2024 10:20

Nuovi danni ai cavi sottomarini che forniscono internet ai Paesi africani hanno sollevato nuovi timori sulla vulnerabilità delle reti del continente. Il danno segna la terza interruzione diffusa dall’inizio dell’anno.

Gli utenti di Internet in Kenya, Uganda, Tanzania e Ruanda hanno registrato diversi livelli di interruzione tra domenica e lunedì a seguito dei tagli a due cavi sottomarini, EASSy (East Africa Submarine System) e Seacom.

Secondo Cloudflare, un’azienda statunitense che si occupa di dati internet, le interruzioni hanno causato disagi anche in Mozambico, Malawi e Madagascar.

L’autorità per le comunicazioni del Kenya ha dichiarato che il processo di recupero è iniziato, anche se “le velocità lente potrebbero rimanere nei prossimi giorni”. L’operatore di telecomunicazioni Safaricom ha dichiarato che si procurerà “capacità aggiuntiva con altri partner di cavi sottomarini” per compensare la mancanza di connettività.

MTN e Telkom, le due major sudafricane delle telecomunicazioni che operano in Africa orientale, hanno dichiarato che stanno cercando di “minimizzare” l’interruzione.

I dati del progetto Internet Outage Detection and Analysis del Georgia Institute of Technology mostrano che la Tanzania ha subito l’interruzione più grave. L’ambasciata statunitense nel Paese è rimasta chiusa al pubblico per due giorni, fino al 15 maggio, in seguito all’interruzione del servizio, ad eccezione dei casi di emergenza che coinvolgono cittadini americani.

L’interruzione rispecchia eventi simili avvenuti a marzo, quando il taglio di quattro cavi ha interrotto l’accesso a Internet in Nigeria, Ghana e altri Paesi dell’Africa occidentale. Per giorni, i fornitori di servizi hanno offerto agli utenti solo connessioni intermittenti, soffocando le attività bancarie online, la borsa del Ghana e altri servizi basati su Internet.

La connettività in Africa orientale è stata limitata anche a febbraio, quando tre cavi sottomarini che attraversano il Mar Rosso sono stati danneggiati. L’International Cable Protection Committee, un gruppo che rappresenta il 98% degli operatori di cavi sottomarini, ha dichiarato che le rotture sono state probabilmente causate dall’ancora di una nave da carico che è stata colpita dal gruppo ribelle Houthi con sede nello Yemen. Questi cavi non sono stati riparati a causa delle tensioni sul diritto di accesso a quelle acque.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.