Facebook abbandona Face Recognition. Eliminati un miliardo di profili.


Facebook ha annunciato che non utilizzerà più Face Recognition sulla sua piattaforma e rimuoverà i profili corrispondenti precedentemente creati per un miliardo di persone.



Face Recognition ha analizzato le foto scattate dagli utenti taggati e le immagini del profilo degli utenti associati per creare un modello unico. Questo modello è stato quindi utilizzato per identificare gli utenti in altre foto caricate, nonché per i tag automatici nelle sezioni "Ricordi".


Ora, una settimana dopo il suo rebranding in Meta, Facebook ha annunciato che sta abbandonando la funzione di riconoscimento facciale e rimuoverà i modelli generati dal sistema.



La scorsa settimana, il social network ha annunciato il rebranding della sua casa madre, che d'ora in poi si chiamerà Meta. Questo titolo è ispirato al romanzo Avalanche di Neil Stevenson, dove il Metaverso è una realtà virtuale che abbraccia il mondo intero.

Il cambio di nome arriva in mezzo a una recente fuga di documenti interni di Facebook che hanno evidenziato le sue numerose preoccupazioni etiche. In particolare, è emerso che l'azienda era consapevole delle conseguenze dell'utilizzo della propria piattaforma, compresa la diffusione di disinformazione radicalizzante, nonché delle conseguenze negative per la salute mentale degli utenti adolescenti .


Mark Zuckerberg ha affermato che la società è pronta a cambiare e raddoppierà i suoi sforzi per creare esperienze virtuali immersive in futuro.

"I molti casi specifici in cui il riconoscimento facciale può essere utile devono essere valutati rispetto alle crescenti preoccupazioni sulla tecnologia in generale"

ha scritto Jerome Pesenti, vicepresidente dell'intelligenza artificiale dell'azienda.

“Ci sono molte preoccupazioni su dove deve andare la tecnologia di riconoscimento facciale nella società e le autorità di regolamentazione stanno ancora sviluppando una serie chiara di regole che ne disciplinino l'uso. Di fronte alla continua incertezza, riteniamo opportuno limitare l'uso del riconoscimento facciale a una serie ristretta di casi d'uso".

Questo anche in relazione al fatto che Facebook ha già affrontato le conseguenze legali di tali "paure".



Ad esempio, la società ha recentemente pagato 650 milioni di dollari in relazione a una class action nello stato dell'Illinois, dove è stato affermato che il social network ha raccolto e archiviato i dati biometrici degli utenti senza il loro consenso.


Il difensore della privacy e i ricercatori della sicurezza informatica stanno già elogiando Facebook per aver abbandonato il riconoscimento facciale.

Post recenti

Mostra tutti