Fase2: databreach su App Olandese per il contrasto al coronavirus


Proprio in questi giorni, una delle applicazioni del governo #olandese, #Covid19Alert!, ha subito un #databreach, cioè una esposizione di dati che rispetto a quanto riferito da #DeStandard, circa 100-200 nomi, email e #password criptate sono stati resi pubblici.


Seppur numeri piccoli, è stato riportato: "un errore umano, che in mezz'ora si è risolto", dice uno dei creatori dell'app Covid19 Alert!.


I dati (anche se non si comprende bene la causa), erano accessibili da un'altra app, per un problema causato, secondo gli stessi, dalla fretta e "da un errore umano".


Purtroppo la fretta è un nemico subdolo, che mina la privacy degli utenti e le app mobili per il contrasto al coronavirus devono avere rigide politiche di gestione, oltre ad essere #sviluppate bene ed effettuare #controlli di sicurezza periodici che ne attestino il corretto funzionamento, sia delle APP che dei rispettivi #backend.


Avere in un unico punto di raccolta (qualora venisse confermata una gestione centralizzata dei dati), sarebbe un ghiotto bottino per moltissimi attori di minaccia.


Italia ce la faremo?


#cybersecurity #appmobile #copasir


https://m.tio.ch/dal-mondo/economia/1432763/app-password-tracciamento-data-breach

1 visualizzazione

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now